๐ƒ๐ข๐ฌ๐œ๐จ๐ซ๐ฌ๐จ ๐๐ž๐ฅ ๐๐ซ๐ข๐ฆ๐จ ๐’๐ž๐ ๐ซ๐ž๐ญ๐š๐ซ๐ข๐จ ๐๐ž๐ฅ ๐๐š๐ซ๐ญ๐ข๐ญ๐จ ๐‚๐จ๐ฆ๐ฎ๐ง๐ข๐ฌ๐ญ๐š ๐”๐œ๐ซ๐š๐ข๐ง๐จ ๐๐ฒ๐จ๐ญ๐ซ ๐’๐ข๐ฆ๐จ๐ง๐ž๐ง๐ค๐จ ๐š๐ฅ ๐—๐—๐ˆ๐ˆ ๐ˆ๐ง๐œ๐จ๐ง๐ญ๐ซ๐จ ๐๐ž๐ข ๐๐š๐ซ๐ญ๐ข๐ญ๐ข ๐‚๐จ๐ฆ๐ฎ๐ง๐ข๐ฌ๐ญ๐ข ๐ž ๐Ž๐ฉ๐ž๐ซ๐š๐ข, ๐‹’๐€๐ฏ๐š๐ง๐š, ๐‚๐ฎ๐›๐š, ๐จ๐ญ๐ญ๐จ๐›๐ซ๐ž ๐Ÿ๐ŸŽ๐Ÿ๐Ÿ

Cari compagni!

Saluto cordialmente i partecipanti al 22ยฐ Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai a nome del Partito Comunista d’Ucraina. Il partito illegalmente bandito nel mio paese, dove i nostri compagni e persone che la pensano allo stesso modo subiscono persecuzioni politiche, arresti e violenze fisiche da parte del regime neo-nazista-oligarchico al potere, un regime che รจ, in sostanza, reazionario e fascista .Ci siamo riuniti qui sull’Isola della Libertร  in un momento difficile. Le forze dell’imperialismo internazionale, gli squali della globalizzazione nella loro lotta per ridisegnare la mappa politica del mondo, per le risorse e i mercati delle merci, ricorrono a qualsiasi metodo e di fatto agiscono come istigatori della terza guerra mondiale. La tragedia รจ che le forze reazionarie fanno un uso attivo del neonazismo e del neofascismo per raggiungere i loro obiettivi. L’analisi della situazione internazionale mostra una crescente aggressivitร  dell’imperialismo e un drammatico acutizzarsi delle sue contraddizioni interne in due ambiti:

โ—พideologico โ€“ tra l’Occidente imperialista guidato dagli USA e la Cina comunista che, sulla scia del crollo dell’URSS, considerano โ€œun impero del maleโ€, cosรฌ come Vietnam e Cuba;

โ—พe inter-imperialista โ€“ Gli USA cercano di preservare la propria egemonia e l’ordine mondiale in cui giocano il ruolo dominante.

Gli Stati Uniti stanno creando nuovi blocchi militari nel sud-est asiatico, alimentando le tensioni in Medio Oriente e Nord Africa, e stanno perseguendo una politica aggressiva utilizzando l’Ucraina contro la Russia e Taiwan contro la Cina. La visita provocatoria della Pelosi a Yerevan e le sue promesse di sostegno all’Armenia portano inevitabilmente ad un allargamento del conflitto nel Caucaso tra Armenia e Azerbaigian. Desta preoccupazione la situazione in Asia centrale (recente conflitto tra Tagikistan e Kirghizistan). Dopo lo scioglimento dell’URSS furono gli Stati Uniti e la Gran Bretagna che iniziarono a creare uno stato neofascista sul territorio dell’ex Ucraina sovietica e ne divennero i principali sponsor e beneficiari. Le riforme che stavano imponendo all’Ucraina diedero al capitale il controllo di tutte le sfere della vita sociale e assicurarono il controllo totale delle corporazioni transnazionali sulla vita socioeconomica del Paese e di conseguenza crearono le basi materiali per l’avvento e l’insediamento, come risultato di un colpo di stato armato nel febbraio 2014, del potere delle forze piรน reazionarie: la borghesia compradora alleata con i neofascisti e la criminalitร  organizzata.

Sono state queste forze in Ucraina che sono state determinanti nel distruggere tutte le conquiste socialiste, la sovranitร  economica, a portare a una profonda riduzione della societร  in povertร . รˆ attraverso queste forze che gli Stati Uniti hanno formato una struttura di potere verticale fantoccio e introdotto il controllo esterno del paese. รˆ stato attraverso queste forze che gli USA hanno scatenato in Ucraina una guerra civile fratricida, una guerra contro i cittadini del Donbass, che sostengono i loro diritti e libertร  costituzionali. Sono state queste forze che, su istigazione dei circoli dirigenti statunitensi, hanno trasformato la guerra civile nel Donbass in una guerra contro la Russia.

L’umanitร  infatti รจ giร  stata trascinata in una nuova guerra mondiale. Vorrei tracciare uno dei tanti tragici paralleli.

Durante la seconda guerra mondiale l’Europa stava lavorando per Hitler nella guerra contro l’URSS. Oggi, agendo nell’interesse degli USA, l’Europa fornisce armi al regime filofascista in Ucraina e lo sta rafforzando finanziariamente. Il proseguimento di questa politica porterร  inevitabilmente alla diffusione del teatro delle ostilitร  nel territorio dell’UE. I tentativi aggressivi di alcuni nuovi paesi europei, in particolare Polonia, Ungheria, Romania e Stati baltici, di rivedere i confini del secondo dopoguerra non faranno che accelerare questo processo.L’ex ministro degli Esteri della Romania, Marga, ha recentemente affermato senza mezzi termini: โ€œL’Ucraina รจ entro confini innaturali. Dovrebbe cedere territori: Transcarpazia all’Ungheria, Galizia alla Polonia, Bucovina alla Romania. Questi sono i territori di altri paesiโ€. La senatrice americana Lindsey Graham ha detto cinicamente che con le armi americane l’Ucraina combatterร  la Russia fino all’ultimo uomo.

In Ucraina muoiono civili, persone innocenti, anziani, donne e bambini. Questa รจ una tragedia.

Nel sostenere il regime fascista in Ucraina, gli USA e la NATO perseguono una politica che l’ex senatore statunitense Richard Blake ha delineato in questo modo: โ€œNon importa quanti ucraini muoiono. Quante donne, bambini, civili e militari muoiono. Non ci interessa. รˆ come una partita di calcio e noi vogliamo vincere. L’Ucraina non puรฒ accettare una soluzione di pace. Spetta a Washington prendere la decisione di pace, ma nel frattempo vogliamo continuare questa guerra, combatteremo fino all’ultimo ucraino”. Tali dichiarazioni dei falchi di guerra rivendicano la nostra posizione e gli avvertimenti espressi dai comunisti ucraini a Smirne la scorsa settimana: la minaccia di un’offensiva fascista รจ reale, la guerra che USA e NATO stanno conducendo con le mani ucraine sul territorio ucraino รจ una guerra esclusivamente in interessi degli imperialisti USA. Miliardi di dollari vengono incanalati nella produzione di armi e munizioni letali, il neo-primo ministro britannico Liz Truss รจ pronto a usare armi nucleari, un numero enorme di truppe NATO รจ concentrato ai confini di Ucraina e Bielorussia. Gli imperialisti chiudono un occhio sul fatto che il regime filofascista di Zelensky sta eliminando spietatamente gli oppositori politici. Qualsiasi manifestazione di libero pensiero viene repressa dalle unitร  punitive. Vengono glorificati i crimini degli hitleriani e dei loro complici durante la seconda guerra mondiale che hanno bruciato vive persone a Oswiecim e che hanno organizzato i massacri di Gernica e Khatyn.

I monumenti e le tombe dei soldati sovietici che hanno dato la vita per spegnere le fiamme nelle fornaci dei campi di sterminio nazisti vengono distrutte. Questo accade non solo in Ucraina ma in tutta Europa. Il Moloch della glorificazione dei criminali nazisti divora le menti trasformando l’homo sapiens (“l’uomo saggio”) in un “uomo pazzo”.

Il processo per ricreare una parvenza del Terzo Reich nazista รจ praticamente in corso.

Questo “Reich”, come il suo prototipo alimentato dal capitale transnazionale, dalle corporazioni americane e britanniche, basa la sua ideologia sulla superioritร  della razza “indigena”. Da qui la legge sui popoli indigeni che ha trasformato in emarginati i russi che hanno sempre vissuto sul territorio ucraino, tra cui Donbass, Kharkov, Odessa, Nikolayev, Kherson, anzi l’intero territorio del nostro paese. Come gli ebrei nella Germania nazista. Sappiamo dalla storia quale tragedia ha colpito milioni di persone.

Compagni!

Alla luce di quanto sta accadendo in Ucraina, vorrei anzitutto notare che, purtroppo, non c’รจ consenso tra partiti comunisti e partiti operai sulla natura del conflitto armato in Ucraina, nonchรฉ sulla posizione del Partito Comunista di la Federazione Russa, che ha sostenuto l’operazione speciale.Poichรฉ ogni scontro militare ha le sue caratteristiche specifiche, il primo vero compito di ogni marxista รจ identificare la sua natura orientata alla classe con una valutazione appropriata. Come crediamo, la guerra del Donbass contro il regime di Kiev dovrebbe essere considerata come una lotta di liberazione nazionale, in sostanza, una guerra per l’indipendenza dal regime fascista al potere, per il diritto del popolo a parlare la propria lingua russa e a non seguire il corso anti-russo imposto dagli Stati Uniti. Quindi, sulla base della teoria marxista, il conflitto militare in Ucraina non dovrebbe essere considerato come una guerra imperialista nel senso letterale della parola, e inoltre dal punto di vista della Russia, รจ considerato come la lotta contro una minaccia esterna alla sicurezza nazionale e contro il fascismo.

Capiamo tutti che la milizia popolare del Donbass non รจ stata in grado di resistere all’esercito ucraino di molte migliaia dotato di armi straniere, quindi la loro sconfitta avrebbe inevitabilmente portato alla distruzione totale della popolazione di lingua russa, molti dei quali erano cittadini russi. L’esercito di migliaia di nazionalisti ucraini al comando di istruttori americani e della NATO si concentrรฒ sui confini delle repubbliche, il dettagliato piano di invasione era stato sviluppato in anticipo dai generali di Washington. Tutti stavano aspettando il comando. Di conseguenza, per proteggere i suoi cittadini e garantire la sicurezza nazionale, la Russia non aveva altra scelta che lanciare un attacco preventivo. In conformitร  con la Costituzione della Federazione Russa, il Presidente ha intrapreso le azioni previste dalla Legge, poichรฉ era impossibile resistere in altro modo all’aggressione.

Inoltre, il processo negoziale nell’ambito degli accordi di Minsk รจ stato deliberatamente sabotato da Kiev con il sostegno di Stati Uniti e Unione Europea, poichรฉ l’instaurazione della pace in Ucraina non รจ prevista dai piani di Washington e della NATO.

A questo proposito, la posizione del Partito Comunista della Federazione Russa ci sembra abbastanza ragionevole. Il carattere sempre piรน reazionario dell’imperialismo moderno รจ il risultato di diversi fattori che hanno determinato il declino del movimento operaio e l’indebolimento dei partiti comunisti e operai. I comunisti ucraini ritengono che nell’elaborare la tattica delle nostre azioni e nel definire le principali aree di lotta sia necessario procedere sulla base del fatto che il moderno equilibrio delle forze nel mondo ha inclinato a favore di una reazione che si avvale del fascismo. Seminando discordia all’interno delle classi lavoratrici, utilizzando regimi fantoccio, neofascisti e neonazisti, l’imperialismo intensifica lo sfruttamento dei paesi e dei popoli e distrugge le basi della democrazia popolare e di un giusto ordine mondiale. Le tendenze mondiali moderne e le continue crisi economiche, purtroppo, riducono il potenziale rivoluzionario dei principi dell’internazionalismo proletario e minano l’unitร  delle classi lavoratrici. Questo sta accadendo anche in Ucraina dove si sta creando una speciale classe di guerra โ€œoperaiaโ€, la classe che vive della guerra e non puรฒ immaginarsi senza di essa. La politica sanzionatoria avviata da USA e Gran Bretagna e dai loro satelliti politici inevitabilmente peggiora la vita della gente comune, indebolisce il potenziale economico degli Stati, provoca disoccupazione e di conseguenza aumenta il malcontento sociale e, purtroppo, disgrega il movimento operaio. L’imperialismo mondiale usa tutti questi fenomeni come un’arma nella lotta di classe.

Cosa vediamo oggi in Europa e negli USA? I prezzi e le tariffe sono aumentati molte volte. Le imprese stanno chiudendo, le persone bruciano pubblicamente le bollette di gas, elettricitร  e acqua, organizzano azioni di protesta contro i loro governi chiedendo, tra le altre cose, la fine della follia delle sanzioni e della guerra in Ucraina. Tutto questo sta accadendo sullo sfondo della militarizzazione dell’economia, della politica e dell’isteria mediatica intorno alla guerra nucleare.Sono convinto che i partiti comunisti e operai debbano incanalare le rivendicazioni economiche e sociali delle persone verso la lotta politica. La lotta contro la minaccia del fascismo e un cambiamento del sistema sociale che lo genera, cioรจ il sistema capitalista in quanto tale. Oggi le forze progressiste โ€“ dobbiamo ammetterlo onestamente โ€“ stanno perdendo la battaglia cognitiva per le menti delle persone. รˆ nostro compito vincerlo. Questo รจ l’unico modo se vogliamo prevenire la catastrofe di una terza guerra mondiale.

A questo proposito, credo che nel contesto degli obiettivi e dei compiti del nostro incontro e considerando la situazione nel mondo e la necessitร  di lottare per la fine della guerra e l’instaurazione di un giusto ordine mondiale noi, comunisti e partiti operai โ€“ dovremmo concentrare i nostri sforzi nelle seguenti aree:

โ—พil rafforzamento della nostra solidarietร , solidarietร  con le altre forze progressiste nella lotta contro il neofascismo e gli istigatori di una terza guerra mondiale;

โ—พorganizzare un sistema di informazioni pubbliche veritiere su ciรฒ che sta accadendo oggi in Ucraina, su come minaccia l’Europa e come minaccia l’umanitร ;

โ—พspiegare alla gente che la guerra civile in Donbass (2014-2022), come la guerra Ucraina-Russia, รจ stata provocata e scatenata dai regimi filo-fascisti in Ucraina su richiesta e nell’interesse degli USA al fine di creare un testa di ponte per lo smembramento e la distruzione della Russia come rivale geopolitica;

โ—พintensificare la lotta contro ogni tentativo di glorificare l’ideologia nazista, restaurando la vera storia della seconda guerra mondiale;

โ—พsostenere (senza tornare sui nostri principi ideologici) coloro che si dichiarano per una soluzione pacifica e la fine della guerra in Ucraina, indipendentemente dalla loro affiliazione politica. Tali politici e tali forze esistono in ogni paese.

Ritengo inoltre necessario piegare ogni sforzo a livello dei parlamenti nazionali e del parlamento europeo per neutralizzare le azioni provocatorie degli USA e dei loro alleati nella regione dell’Asia del Pacifico contro la Cina. In combinazione con la guerra in Ucraina e il possibile scontro diretto tra potenze nucleari, Cina e Stati Uniti, soprattutto sullo sfondo delle dichiarazioni su una “minaccia nucleare” russa, le peggiori previsioni possono, purtroppo, diventare realtร .

Cari compagni!

La lotta per porre fine alla guerra fratricida in Ucraina scatenata dalle multinazionali e dai loro tirapiedi nei governi degli Stati europei e non solo europei, la guerra in cui la NATO guidata da Washington รจ di fatto una parte del conflitto (fornitura di armi, munizioni e addestramento delle forze armate ucraine, finanziamento e controllo della campagna militare) รจ la lotta per prevenire una terza guerra mondiale che รจ solo a un passo. Dobbiamo fare di tutto per prevenirlo.Ancora una volta, grazie per l’opportunitร  di rivolgermi ai partecipanti a questo incontro internazionale ed esprimere fiducia nella nostra vittoria, una vittoria della โ€œluceโ€ sulle โ€œtenebreโ€.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Pubblicitร 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...