Gli uomini (e le donne) dell’Amministazione Biden

di António Santos da http://avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Investito dalla decisione della Central Services Administration di sbloccare la transizione al potere, Joe Biden ha presentato una squadra di veterani per “guidare il mondo” e “affrontare gli avversari dell’America”.
I nuovi falchi democratici si distinguono per la diversità del piumaggio, c’è persino un “immigrato latino” a capo della macchina per le deportazioni degli immigrati latini e per la prima volta una donna che decide chi deve uccidere la CIA. Inoltre, sono indistinguibili dai repubblicani. Nel volo sulla preda, tutti i falchi sono marroni.
Vedi Antony Blinken, il prossimo Segretario di Stato che, in qualità di consigliere per la sicurezza e vice segretario di Stato di Obama, nella cui funzione si è distinto per le posizioni più aggressive nell’attacco alla Libia e per le proposte più avventurose per destabilizzare la Siria. Dopo la scadenza del termine, Blinken ha fondato WestExec e si è arricchito vendendo consulenza a compagnie di armamenti e agenzie mercenarie in tutto il mondo, dagli Stati Uniti a Israele attraverso l’Arabia Saudita. Questo milionario, anche lui meritocraticamente figlio di milionari, difende apertamente una più dura politica di sanzioni economiche contro la Russia che “dimostri al popolo russo che c’è una multa molto pesante da pagare per chi sostiene criminali internazionali come Putin”.

C’è poi Avril Haines. La donna che ha progettato il programma di “uccisioni selezionate” con droni di Obama sarà il prossimo capo dei servizi di intelligence. L’ex vicedirettore della CIA è stata difensore pubblico di Gina Haspel quando Trump l’aveva nominata a capo di quell’agenzia. Haspel è stata uno degli artefici della rete di prigioni segrete della CIA dove l’amministrazione Bush ha torturato ammettendo di aver distrutto i filmati.

La lista continua con Alexander Mayorkas, il prossimo segretario del Dipartimento per la sicurezza interna, che si è presentato come un immigrato “portato in questo paese dai miei genitori per sfuggire al comunismo”. Figlio di un capitalista cubano, Mayorkas ha contribuito a raggiungere, nel mandato di Obama, il record di deportazioni di immigrati in tutta la storia degli Stati Uniti.

La lunga storia dei candidati di Biden ci consente di prevedere la continuazione della politica imperialista statunitense dell’amministrazione Obama in circostanze nuove. Nelle parole di Biden, “l’America è tornata”. Il problema è che non se n’è mai andata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...