Internazionale – Bombe su Belgrado venti anni dopo

Rivista MarxVentuno – Coordinamento nazionale per la Jugoslavia-Onlus

All’origine delle “guerre umanitarie”

a cura di Andrea Catone e Andrea Martocchia

Venti anni fa, nella primavera del 1999, i bombardieri della NATO, dall’alto dei cieli, si accanirono per 78 giorni contro la Repubblica Federale di Jugoslavia. Violando la Costituzione, l’Italia vi partecipò con un ruolo di primaria importanza: dalle sue basi decollarono molti dei 1.100 aerei che effettuarono 38 mila sortite, sganciando 23 mila bombe e missili. Per giustificare il ritorno della guerra in Europa fu coniata l’ossimorica formula della “guerra umanitaria”, che implicava l’assoluta demonizzazione e de-umanizzazione del nemico.

La Menzogna non fu mai così ampiamente praticata come per la “guerra del Kosovo” dai maggiori capi di stato e di governo del tempo, quasi tutti “democratici” e “di sinistra” – da Clinton a Blair, da Schröder a D’Alema – nonché da solerti intellettuali che abdicarono all’esercizio della critica per suonare le fanfare di guerra. Una guerra che – lo si comprende ancora meglio oggi – aveva ben altri scopi strategici, in primis l’espansione della NATO a Est: vent’anni dopo aver demolito la Federazione Jugoslava l’Alleanza Atlantica è passata da 16 a 29 paesi, sempre più a ridosso della Russia.

Il libro presenta contributi di ricostruzione storica – supportata da una dettagliata cronologia –, di analisi politica e delle ideologie, di studi sul diritto internazionale violato, con un’appendice sulla parabola del movimento contro la guerra.

59299101_10215685520904619_2385621983787220992_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...