Apertura del XXI Congresso PCP – Relazione del Segretario del Partito Comunista Portoghese Jeronimo De Souza

Prima di tutto, vorrei salutare i delegati al XXI Congresso che qui rappresentano tutto il nostro collettivo di partito e auguro loro ogni bene.
Abbiamo tenuto il nostro Congresso in un contesto molto diverso dal solito, a causa dell’epidemia di COVID-19.

Non abbiamo con noi, come vorremmo e vorremmo molto, il vasto insieme di delegazioni straniere di partiti fratelli e altre forze progressiste di tutto il mondo, né ospiti nazionali, delle più diverse istituzioni e organizzazioni, che ci hanno sempre onorato con il loro presenza. Non abbiamo nemmeno qui, e cioè, per tutti noi, molto significativo, le molte centinaia di compagni invitati che ci accompagnano sempre in questo momento di grande significato e importanza che è per il nostro Partito, ma vogliamo che sia per i lavoratori, per il popolo e al Paese, perché ciò che ci porta qui e ci unisce sono i suoi problemi e le soluzioni per superarli. Problemi la cui soluzione assume una particolare urgenza nella situazione attuale.

Oggi siamo meno delegati qui, circa la metà di quanto previsto e abbiamo dovuto prendere tutte le misure di protezione della salute. Il nostro Congresso dimostrerà ancora una volta che lo svolgimento delle attività è compatibile con la prevenzione sanitaria. Un Congresso che sia la prova della responsabilità di un Partito che non volta le spalle ai problemi, né si nasconde, quando i lavoratori affrontano difficoltà.

Il Congresso di un Partito che non si concede il privilegio e l’egoismo di proteggersi, mentre centinaia di migliaia di lavoratori saranno ogni giorno nei loro luoghi di lavoro, resistendo all’intensificarsi dello sfruttamento con il pretesto dell’epidemia e dovranno utilizzare i trasporti in quelli attuali condizioni.
Sì, abbiamo adottato misure di prevenzione sanitaria per garantire in sicurezza lo svolgimento del nostro Congresso, così come le abbiamo prese durante il processo di preparazione.

Sì, perché il Congresso non inizia qui, culmina qui e nonostante i vincoli, le difficoltà derivanti dall’epidemia, il Partito ha saputo trovare soluzioni per mettersi in gioco e partecipare alle decisioni proposte che verranno dibattute e votate. Prova di ciò è lo svolgimento di 1 700 riunioni nella fase preparatoria, con circa 18 000 partecipanti.

Un Partito che, anche in circostanze difficili, non fa a meno di dibattere e di intervenire per trovare le migliori soluzioni per il Paese e contribuire all’auspicabile normale funzionamento della vita democratica.

E questo problema non è minore e diventa un problema della massima importanza quando vediamo i rappresentanti delle forze di regressione di destra, regressione e autoritarismo degradare e portare i diritti politici e civili fondamentali allo stesso livello, con altri diritti momentaneamente limitati. , per giustificare le loro insidiose campagne contro il nostro Congresso e la lotta operaia.

Ci sono già troppi precedenti in tutto il mondo, che rientrano in quella che viene definita una “battuta d’arresto pandemica”. Sono misure per ostacolare la protesta e per vietare la lotta sociale e sindacale, per limitare libertà e diritti civili, ci sono misure crescenti muscolose da giustificazioni artificiali, abusi di potere, rafforzamento del controllo, dimostrazioni di forza per smobilitare e intimidire, ma anche reprimere e che la corsa della pandemia sta minando la democrazia.

Ribadiamo ancora una volta che non accettiamo il deprezzamento e la svalutazione dell’attività politica, tanto meno in questi tempi, perché sappiamo come tutto inizia, ma non sappiamo come va a finire e spesso finisce male per i diritti e gli interessi delle persone e tanto spesso per la democrazia e la libertà.

Abbiamo tenuto il nostro Congresso in un momento per celebrare i 100 anni di esistenza di questo Partito Comunista Portoghese. Permettetemi qui, in questo importantissimo evento della vita di partito, di richiamare ed evocare la generosa militanza delle generazioni che ci hanno preceduto e portato qui il Partito.

Questo partito che ha affrontato la violenza fascista. Che in ogni momento e in tutte le circostanze ha assunto tutte le principali cause e tutte le lotte contro lo sfruttamento, l’oppressione e la disuguaglianza. Che era nel far emergere la Rivoluzione d’Aprile e in prima linea nelle sue conquiste e nella sua difesa. Che è stato sempre presente, come nessun altro, in questi ultimi 100 anni, nei momenti di resistenza, trasformazione e avanzamento della società portoghese e agendo sempre determinato a far avanzare la ruota della storia verso il progresso, la libertà, la democrazia e il socialismo.

Una festa con una storia strana. Una storia che ci dice che il futuro ha una festa! Il mondo sta vivendo tempi difficili. Instabilità e incertezza continuano a caratterizzare l’evoluzione della situazione internazionale, che in termini generali è peggiorata negli ultimi quattro anni.

L’approfondimento della crisi strutturale del capitalismo, che si esprime su più livelli – economico, sociale, politico, culturale o ambientale – continua a segnare gli sviluppi della situazione internazionale, esponendo le contraddizioni profonde e insaziabili del capitalismo e confermandone la natura sfruttatrice e oppressiva , aggressiva e predatrice.

Coinvolte nel ciclo di crisi, le grandi imprese promuovono una ancor maggiore concentrazione e centralizzazione della ricchezza a scapito di uno sfruttamento intensificato, con il conseguente e brutale aggravamento delle disuguaglianze sociali e una spirale di vortice di risorse pubbliche per gruppi monopolistici, in particolare nel settore finanziario.

In una situazione in cui una nuova esplosione di crisi era imminente, la pandemia Covid-19 viene utilizzata dalle grandi imprese per aumentare lo sfruttamento, mettere in discussione i diritti e attaccare le libertà.

Se, a seguito dell’aggravarsi della crisi, si sono intensificate anche le contraddizioni tra le potenze imperialiste, allo stesso tempo queste non hanno mancato di convergere nella loro offensiva di classe contro i diritti dei lavoratori e la sovranità dei popoli.

Di fronte ai problemi che devono affrontare e al relativo declino – evidenziato dal processo di riorganizzazione delle forze che sta avvenendo in tutto il mondo – gli Stati Uniti d’America esercitano la loro supremazia nel campo imperialista e trascinano i propri alleati in una escalation di confronto e aggressione a livello internazionale.

Una realtà che non viene rimessa in discussione dall’elezione a presidente di Joe Biden, che ha già assicurato di portare avanti una politica estera che riafferma l’obiettivo di imporre il dominio egemonico statunitense nel mondo.

L’imperialismo americano, con i suoi alleati – in particolare NATO e Unione Europea -, accresce un’escalation multiforme e pericolosa di scontri, interferenze e aggressioni che costituisce una seria minaccia per i popoli e la pace, con il pericolo di innesco di grandi conflitti, compresi quelli nucleari. Un’escalation che, diretta contro tutti coloro che affermano la propria sovranità e il diritto allo sviluppo, indica come obiettivi strategici la Russia e, in particolare, la Cina, in vista dello sviluppo e del ruolo di questo Paese nel piano internazionale.

I quattro anni trascorsi dal XX Congresso testimoniano che l’ingerenza e l’aggressione dell’imperialismo contro i diritti dei lavoratori e dei popoli, contro la democrazia, la sovranità e l’indipendenza degli Stati, contro i principi della Carta delle Nazioni continua in tutto il mondo. Nazioni e diritto internazionale. Se l’imperialismo non guarda ai mezzi – dagli strumenti economici, finanziari e politici che domina, alla sua potenza militare e influenza ideologica – per contrastare l’approfondirsi della crisi strutturale del capitalismo, nonché per salvaguardare il suo dominio, anche la lotta dei lavoratori e dei popoli persiste in difesa dei propri diritti, in difesa della sovranità, che nella sua diversità conosce espressioni di grande importanza. Combattimento che si sviluppa nelle condizioni più diverse, assumendo forme diverse e indicando diversi obiettivi concreti e immediati.Lotte che esprimono malcontento di fronte al peggioramento dello sfruttamento, delle ingiustizie e delle disuguaglianze sociali, dell’oppressione, nonché della resistenza alle interferenze e alle aggressioni.

Combattimenti che, anche in un contesto mondiale sfavorevole, portano a importanti successi e vittorie, come in Siria o Venezuela, o in Bolivia e Cile.

Lotte che dimostrano che «grandi pericoli di regressione sociale e di civiltà convivono con reali potenzialità di avanzamenti progressisti e rivoluzionari» e la necessità di essere preparati a sviluppi rapidi e imprevisti e, quindi, al ricorso alle forme di lotta che la situazione che evolve chiede. La realtà mostra la necessità di un movimento internazionale comunista e rivoluzionario forte e vigoroso, che è un’espressione dell’esistenza di forti partiti comunisti e rivoluzionari, che richiede determinazione e tenacia per superare le debolezze e le difficoltà esistenti.

La crisi strutturale del capitalismo e la violenta offensiva dell’imperialismo pongono anche la necessità di rafforzare un ampio fronte antimperialista, che ferma l’offensiva dell’imperialismo e apre la strada alla costruzione di un nuovo ordine internazionale, di pace, sovranità e progresso sociale.
I flagelli della guerra, dell’oppressione, della disoccupazione e della precarietà, della fame, delle malattie, dell’analfabetismo e di altre ferite sociali, rivelano il carattere disumano e criminale del capitalismo.Il capitalismo non è il sistema terminale della storia umana. La costruzione di una nuova società libera da ogni forma di sfruttamento e oppressione è un’esigenza di oggi e del futuro.

Sì, il socialismo è una necessità del nostro tempo. L’aggravarsi delle contraddizioni del capitalismo, l’aggravarsi delle disuguaglianze sociali e dei flagelli, la sua incapacità di rispondere ai problemi e alle aspirazioni dell’Umanità nonostante lo straordinario potenziale di sviluppo scientifico e tecnico, pongono la necessità del suo rivoluzionario superamento, per lo sviluppo di processi per puntare al socialismo come obiettivo, con le fasi e le tappe secondo la situazione concreta di ogni paese.

È dalla realtà concreta del Portogallo e dalla sua esperienza di lotta, che il PCP indica la via al socialismo e alle caratteristiche fondamentali della società socialista in Portogallo, le cui linee fondamentali sono definite nel suo Programma «Una democrazia avanzata – i valori di Aprile nel futuro del Portogallo ».

La politica di destra di decenni di governi del PS, PSD e CDS e l’integrazione del Portogallo nella CEE e nell’Unione europea si sono confermate negli ultimi decenni come elementi centrali e complementari del processo controrivoluzionario. Costituiscono linee strategiche di restaurazione monopolistica, l’imposizione dello sfruttamento, la protezione degli interessi del grande capitale e la crescente sottomissione esterna, che mette a rischio la sovranità nazionale e l’indipendenza. L’Unione europea, e in particolare l’Unione economica e monetaria, rappresentano alcuni dei più gravi ostacoli allo sviluppo del Paese.

L’integrazione capitalista in Europa si conferma come un processo che genera disuguaglianze e asimmetrie nello sviluppo economico, centrali nei processi di concentrazione e centralizzazione del capitale e nell’imposizione di un maggiore sfruttamento e regressione sociale. La natura dell’Unione europea impone che le sue politiche siano al servizio non dei diritti e dei desideri dei popoli e dell’uguaglianza degli Stati, ma degli interessi e dei bisogni del grande capitale.

La realtà della profonda crisi che l’Unione europea deve affrontare oggi dimostra che il suo sviluppo genera crescenti contraddizioni, tensioni e rivalità. Un esempio di ciò è la presa di coscienza che parte dal Regno Unito, che distrugge le teorie di irreversibilità dell’Unione europea. Nel suo susseguirsi di crisi, l’Unione europea ha sempre più rivelato gli errori dei discorsi di solidarietà e cooperazione. Sia nel contesto della crisi economica, nel modo in cui ha affrontato e affronta le questioni migratorie e più recentemente nel contesto del COVID 19, l’Unione Europea si sta confermando come un processo di confronto con i diritti, le aspirazioni e gli interessi dei lavoratori e dei popoli d’Europa .

Le immagini della pirateria tra gli Stati membri dell’Unione Europea in corsa per le forniture mediche, la completa immobilità nel promuovere una reale solidarietà, il loro ruolo nel business dei vaccini, la natura dei blocchi in relazione al Quadro Finanziario Pluriennale, le truffe e i ritardi dei cosiddetti Recovery Fund, sono recenti e potenti esempi dei reali interessi che l’Unione Europea promuove e protegge dalle fughe di fronte alle quali reagisce a ciascuno dei suoi episodi di crisi.

La nostra realtà nazionale mostra bene le conseguenze di questi balzi neoliberisti e federalisti. Le conseguenze dell’euro a livello nazionale sono ben note e la riforma dell’Unione economica e monetaria ha reso l’euro ancora più limitante per lo sviluppo economico e sociale. Allo stesso tempo, l’Unione Europea continua a puntare ad affermarsi come blocco politico-militare imperialista, assumendosi come pilastro europeo della NATO.

L’evoluzione dell’Unione Europea e le manipolazioni attorno a successive reinvenzioni e assetti di questa struttura, confermano che la sua matrice politica e ideologica non lascia spazio alle “rifondazioni” e ancor meno alle “democratizzazioni”. Soluzioni che forniscano risposte ai problemi del Portogallo e di altri paesi saranno possibili solo rompendo i vincoli dell’Unione Europea, nel quadro dell’affermazione della sovranità nazionale.

La costruzione dell’Europa per cui lottiamo richiede il rafforzamento della lotta e della consapevolezza dei lavoratori e dei popoli, modificando gli equilibri di forze negli Stati che integrano l’UE, in un quadro di cooperazione tra forze progressiste e di sinistra, con un ruolo di primo piano per i comunisti, affermando il diritto sovrano allo sviluppo degli Stati, con l’obiettivo di rompere con il processo di integrazione capitalistica europea. Sarà in questo contesto che sarà possibile costruire un’Europa della cooperazione tra Stati sovrani ed eguali nei diritti, per un effettivo sviluppo sociale ed economico, dell’amicizia e della solidarietà che apre la strada a un’Europa dei lavoratori e dei popoli del progresso sociale di pace.

Il Portogallo si trova oggi ad affrontare gravi problemi ai quali è diventato imperativo e urgente rispondere e che sono al centro delle preoccupazioni del nostro Congresso. Si tratta di problemi nei più diversi ambiti della vita nazionale che si sono accumulati negli anni e che, con gli impatti dell’epidemia, assumono una dimensione inquietante, esigendo soluzioni urgenti.

Assistere imperiosamente ad una situazione sociale che si deteriora in modo allarmante, fermare il piano inclinato di recessione e paralisi economica in atto nel Paese e, necessariamente, e contemporaneamente, muoversi con decisione nell’attacco ai grandi problemi nazionali che ha trovato la risposta che era necessaria nelle opzioni politiche dei governi di minoranza del PS. Come evidenziato dalla proposta di risoluzione politica, il Portogallo si trova ad affrontare gravi problemi economici e sociali, con profondi deficit strutturali che sono all’origine di un’elevata dipendenza esterna dal Paese, delle enormi debolezze che presenta.

A livello economico, viene mantenuto un ritmo di crescita insufficiente, così come le debolezze di lunga data dell’apparato produttivo nazionale, derivanti dalle imposizioni dell’Unione Europea, dal dominio dell’economia da parte di capitali stranieri e dal conseguente la crescente finanziarizzazione e la mancanza di investimenti pubblici e produttivi.

Debolezze che non solo costringono il Paese a dipendere dall’esterno per soddisfare i bisogni primari, ma per produrre ciò che esporta. Oggi il tasso di copertura delle importazioni tramite esportazioni di merci è inferiore all’80%. Questo deficit produttivo è la conseguenza diretta della svalutazione dell’agricoltura, della pesca, dell’industria manifatturiera e delle nostre risorse nazionali. Ma ci sono altri deficit strutturali preoccupanti, che includono energia, tecnologia e capitale con un impatto rilevante sull’economia.

L’elevato debito estero accumulato che il paese ha è anche un riflesso di queste debolezze, ma anche il risultato della speculazione finanziaria, della spesa pubblica per coprire la cattiva gestione e la corruzione nelle società bancarie e strategiche e la sottomissione a una valuta – l’euro – inadeguata al potenziale economico, salari, produttività e profilo produttivo del Paese.

La crescita economica registrata tra il 2016 e il 2019 non ha cambiato in modo significativo una situazione che era stata a lungo disastrosa. Non solo non ha cancellato i problemi accumulati in decenni di politiche di destra dei governi PS, PSD e CDS, ma non ha preparato il paese a resistere a un nuovo inizio. Prima erano aggravate da una politica fiscale, che restava soggetta ai vincoli imposti dall’Unione Europea, cioè nell’ossessione per la riduzione accelerata del deficit.

Una politica che non ha saputo, per mancanza di investimenti, garantire la sostituzione di attrezzature e infrastrutture e risolvere problemi che si protraggono da decenni e che si sono esposti in questo lasso di tempo tra i congressi, nei drammatici incendi del 2017 e del 2018. Le cause della crisi ciclica scatenata nel 2007/2008 sono rimaste e l’epidemia di Covid 19 ha solo rivelato e reso più evidenti i nostri problemi strutturali, i deficit e le dipendenze in quest’anno 2020.

La produzione nazionale resta il tema centrale per lo sviluppo del Paese, per contrastare il deficit produttivo e il debito estero, per l’occupazione e per il riequilibrio della localizzazione dell’attività economica nel territorio, per contenere e invertire gli alti livelli di dipendenza esterna.

Questo preoccupante problema nazionale che si è approfondito ed esteso a tutti i domini della vita nazionale, accompagnato da un crescente processo di concentrazione capitalista e dominio monopolistico, dove è evidente anche il mantenimento di alti gradi di corruzione, la promiscuità tra i grandi settore pubblico e privato, nonché la crescente subordinazione del potere politico al potere economico.

Lo dimostra la riconfigurazione del sistema bancario ancora in corso in Portogallo, con l’assorbimento di banche minori e l’accentramento delle operazioni di banca commerciale in un piccolo gruppo di banche sotto il dominio spagnolo. Nel settore del commercio e della distribuzione si è accentuato il peso della grande distribuzione e delle grandi piattaforme di commercio elettronico, proseguendo il processo di assorbimento dei piccoli negozi locali, accentuandone il ruolo di predazione e accumulazione capitalistica.

Il turismo, che negli ultimi anni ha conosciuto una crescita significativa, beneficiando di fattori esterni favorevoli e delle condizioni del Paese, con l’epidemia, il flusso turistico all’estero rappresenta quasi il 70% del totale, si è drasticamente ridotto. Migliaia di lavoratori e micro e piccole imprese vedono l’occupazione e la loro attività a rischio.

La politica dei trasporti resta essenzialmente determinata dagli interessi dei gruppi economici che dominano il settore. Manca ancora una politica strutturale e strategica che miri a rafforzare la mobilità della popolazione e la coesione territoriale.Viene sottolineata l’importanza di ridurre i prezzi nei trasporti; l’integrazione di EMEF in CP, ma manca l’integrazione dell’infrastruttura ferroviaria e del trasporto di merci.

A TAP si confermano le conseguenze della gestione privata che avrebbe affondato la compagnia se non fosse stato per l’intervento pubblico avvenuto nel 2020. ANA, consegnato a Vinci dismette e, con il supporto dell’attuale Governo, impegna la costruzione del nuovo aeroporto in Poligono di tiro di Alcochete.

Nei porti prosegue la privatizzazione delle operazioni, affidata alle multinazionali. Nel settore delle telecomunicazioni e dei servizi postali, sono proseguite la liberalizzazione e la privatizzazione. I PPP successivi danneggiano lo Stato in milioni di euro e non garantiscono neppure la soddisfazione dei bisogni. La privatizzazione di CTT ha provocato un netto deterioramento del servizio postale e la privazione di dozzine di località nell’ufficio postale.

Con una struttura economica, dove la maggior parte delle aziende e dei settori strategici sono oggi sotto il controllo di grandi capitali stranieri, il Portogallo non ha solo visto peggiorare la sua dipendenza dall’esterno. C’è anche un aumento dello sfruttamento e dell’impoverimento di ampi strati di lavoratori, con l’imposizione e la sussistenza di un modello di bassi salari, riforme e pensioni, a causa di una crescente precarietà dei rapporti di lavoro e del mantenimento di alti livelli di disoccupazione.

Una realtà dove si accumulano profonde ingiustizie sociali e dove i profitti e i privilegi di pochi contrastano con l’approfondirsi delle disuguaglianze sociali, l’aumento della povertà, le difficoltà di accesso agli alloggi, agli asili nido o al soddisfacimento dei bisogni degli anziani.La realtà dei lavoratori è contrassegnata al di là della precarietà, della disoccupazione e dei bassi salari, orari di lavoro non regolamentati, condizioni di lavoro degradate, discriminazione, violazione dei diritti individuali e collettivi, impedimento all’azione sindacale sul posto di lavoro, repressione, distruzione della contrattazione collettiva, legislazione del lavoro al servizio del capitale.

In Portogallo persiste una profonda ingiustizia nella distribuzione del reddito tra lavoro e capitale. Ingiustizia che si allarga con la politica fiscale imposta al Paese negli ultimi decenni. Una politica caratterizzata da una tendenza al peggioramento della tassazione sui salari, redditi inferiori e intermedi rispetto a redditi e patrimoni di alto valore. I progressi compiuti nella difesa, sostituzione e conquista dei diritti da parte dei lavoratori, hanno sostenuto, anche se in misura limitata, l’intensificazione dello sfruttamento e dell’impoverimento.

Il Governo PS, in convergenza con PSD e CDS, ha finito per continuare a soddisfare gli interessi delle grandi imprese, ovvero nelle modifiche al Codice del lavoro nel 2019, ovvero con l’estensione del periodo di prova e l’ampliamento dei limiti per i contratti brevi insistendo su una legislazione favorevole allo sfruttamento e al lavoro precario senza diritti. Con il pretesto dell’epidemia, migliaia di lavoratori sono stati licenziati e molti altri rischiano di essere licenziati, i salari vengono tagliati, l’orario di lavoro viene modificato e imposto con la forza, ritmi di lavoro intensificati, precarietà promossa allo stesso tempo che somme colossali di fondi pubblici vengono consegnate a gruppi economici e finanziari e multinazionali che hanno accumulato miliardi di euro di profitti.
La situazione creata con l’epidemia ha messo in luce il vantaggio che il grande capitale cercava di trarne.

Il persistere di profondi squilibri territoriali, il degrado ambientale, insieme alla fragilità dei servizi pubblici e al degrado e sovversione del regime democratico incarnato nella Costituzione della Repubblica, sono tanti altri problemi che il Paese deve affrontare e che non trovano la necessaria risposta. con le opzioni e le politiche nella governance degli ultimi anni e dell’attuale governo. Gli squilibri territoriali si sono approfonditi, nonostante i successivi programmi della struttura dello Stato – Struttura della Missione, Segreteria di Stato, Ministero – per rispondere ad essi. Lo dimostrano il continuo spopolamento di vaste regioni e le carenze infrastrutturali nelle aree più densificate. La spinta alla commercializzazione delle risorse naturali ha impedito lo sviluppo di una vera politica di difesa dell’equilibrio della Natura. La politica dell’ambiente, della gestione delle risorse naturali e della pianificazione del territorio si basa sulla sottomissione agli interessi dei gruppi monopolistici.

Il passaggio dal peso dei problemi ambientali all’individuo cerca di nascondere le responsabilità del modo di produzione capitalista nel degrado ambientale. Nel settore idrico, ha proseguito la sua strategia di commercializzazione e privatizzazione, preparando la consegna della sua raccolta e distribuzione dell’acqua, nonché la raccolta e il trattamento delle acque reflue a società private.

La politica di destra ha portato lo Stato e la Pubblica Amministrazione a una situazione di estrema fragilità, in cui prevaleva la visione neoliberista dello “stato minimo”. L’esaurimento delle risorse umane e materiali dei servizi pubblici ha compromesso le funzioni della Pubblica Amministrazione negli aspetti più diversi e con particolare gravità le funzioni sociali dello Stato, primi fra tutti i servizi sanitari pubblici e gli appalti pubblici.

Questi ultimi quattro anni che ci separano dal XX Congresso, hanno continuato ad essere caratterizzati dalla lotta tra chi difende che spetta allo Stato garantire il pieno diritto alla Salute attraverso un Servizio Sanitario Nazionale, universale, generale e gratuito e chi vede la Salute come altamente redditizia e ambita area di business. Gruppi economici sanitari e partiti politici di destra sono intervenuti per svalutare ed erodere il NHS, con l’obiettivo di distruggerlo. Al governo, tali partiti hanno promosso un sotto finanziamento cronico che è ancora lungi dall’essere revocato oggi.

Ma poiché la vita ha solo confermato l’esistenza di un Servizio Pubblico con le caratteristiche e la natura del SSN, esso può garantire a tutti l’accesso all’assistenza sanitaria, indipendentemente dalle condizioni sociali ed economiche.L’insistenza del Governo del PS nel mantenere, rinnovare e creare nuovi PPP, contrariamente al percorso delineato nella nuova Legge sulle Basi Sanitarie, approvata a luglio 2019, approfondisce il percorso della privatizzazione della sanità.

La questione che il Portogallo deve affrontare è la scelta tra il rafforzamento del SSN per garantire il diritto alla salute sancito costituzionalmente, o il suo spreco e le sue strutture, insistendo sulla promiscuità tra pubblico e privato, incanalando fondi nel loro finanziamento per aumentare i profitti e il potere dei gruppi sanitari monopolistici.

Nell’istruzione è proseguita la mancanza di responsabilità dello Stato in relazione alla valorizzazione della Scuola Pubblica, finanziariamente asfissiata a tutti i livelli dell’istruzione, e la continuazione di una palese elitizzazione dell’educazione e dell’insegnamento. Restano i problemi strutturali che segnano il Sistema della Pubblica Istruzione, così come la politica di indebolimento del Sistema Scientifico e Tecnologico Nazionale.

La lotta e la nostra iniziativa del PCP hanno costretto l’annullamento di alcune delle misure attuate dal precedente Governo PSD / CDS e consentito, ancora, alcuni progressi, come nel caso della fine degli esami nazionali del 4 e 6 anno e dei libri di testo liberi nella scuola dell’obbligo.

L’alto costo per le famiglie, nonostante una certa riduzione del valore delle tasse universitarie, continua a costituire un profondo ostacolo alla democratizzazione dell’istruzione superiore, aggravato dalla mancanza di risposta da parte dell’Azione Sociale Scolastica.

Anche il sistema previdenziale pubblico è stato oggetto, nel corso degli anni, di un’offensiva a livello politico e ideologico. I diritti di previdenza sociale sono stati pesantemente attaccati da PSD, CDS e PS. Hanno modificato in peggio il sistema pensionistico, trasferito al sistema i costi dei fondi pensione privati, introdotto il fattore di sostenibilità e aumentato l’età pensionabile che deve essere invertita. Continua l’insufficienza della Rete dei Servizi e delle Attrezzature Sociali e delle risposte sociali nell’ambito del sostegno a bambini, giovani, anziani e persone con disabilità, oggi essenzialmente dipendenti dal ruolo complementare, non meno importante, della IPSS nelle diverse aree.

L’epidemia ha portato alla luce le molteplici debolezze e carenze delle case di cura, le carenze dei servizi di monitoraggio e ispezione sotto la tutela della Previdenza Sociale e rende urgente la creazione di una rete pubblica nazionale e un cambiamento qualitativo dell’azione di tutela.

In tema di alloggi, nonostante la mitigazione degli effetti più dannosi della normativa sugli sfratti, e l’approvazione della Legge fondamentale sugli alloggi, per la quale è stato determinante l’impegno del PCP, la verità è che il problema abitativo resta. Il governo del PS continua a investire nella cosiddetta nuova generazione di politiche abitative, che in sostanza cerca di trasferire la responsabilità della risoluzione dei problemi abitativi al governo locale e al cosiddetto settore sociale.

Nel settore Cultura restano distanti il ​​raggiungimento dell’obiettivo dell’1% del Bilancio dello Stato e l’istituzionalizzazione di un vero Servizio Pubblico per la Cultura, mentre è sempre più diffusa l’evoluzione del processo di commercializzazione dei beni culturali e la situazione lavoro sottovalutato e lavoro sociale di artisti e altri operatori culturali.

Per quanto riguarda il regime democratico, restano gli impatti dell’azione del governo PSD / CDS. Sebbene in maniera più contenuta, i governi del PS mantennero in sostanza una politica che veniva dal riconfigurare lo Stato nell’interesse del capitale monopolistico. Il mancato apprezzamento del ruolo dei lavoratori della Pubblica Amministrazione, la ridefinizione delle funzioni nucleari dello Stato, riducendone il ruolo, impedendo nuove forme di gestione democratica del territorio come sarebbe la realizzazione della regionalizzazione.

In giustizia, la politica dei due governi di minoranza del PS non ha prodotto miglioramenti sostanziali nella situazione del settore. Ciò è evidente nel continuo sotto finanziamento della giustizia, nel mantenimento delle difficoltà e nell’insostenibile costo dell’accesso ai tribunali e alla giustizia, nella situazione socio-professionale degli operatori giudiziari o nella mancanza di risorse umane in tutti i settori.Anche le indagini penali e i suoi professionisti restano soggetti a gravi vincoli di fronte alla persistente carenza di risorse.

Il Paese necessita da tempo di un nuovo modello di Sicurezza Interna, attraverso la fusione di PSP e GNR, creando un’unica forza di sicurezza interna di natura civile, al fine di ottenere una maggiore razionalità nella distribuzione del personale di polizia e dei mezzi logistici e di supporto.Una ristrutturazione che dovrebbe dare impulso alla polizia preventiva e di prossimità, fornire una solida formazione e garantire condizioni di lavoro e remunerative che diano dignità alla funzione di polizia. Come in altri settori del Sistema di Protezione Civile, ci sono ancora sottofinanziamenti, svalutazione dei diritti dei professionisti e risorse insufficienti.

Nell’area della Difesa Nazionale e delle Forze Armate permangono l’eccessiva governamentalizzazione dell’edificio legislativo militare e l’incapacità di rispondere ai problemi strutturali dell’istituzione militare in termini di amministrazione, con enfasi sugli ambiti del reclutamento, delle carriere e del sistema di remunerazione.

Orientamento politico che determina il crescente coinvolgimento nazionale in missioni e strutture sovranazionali nel quadro della NATO.

Accanto alla subordinazione agli interessi degli Stati Uniti, della NATO e del progetto militaristico dell’UE, la priorità del refit è impostata per soddisfare le esigenze dell’impegno esterno e porta a una rottura nella capacità di rispondere ai bisogni nazionali.

La comunicazione sociale, come afferma la Risoluzione politica, assume un ruolo decisivo nell’informazione di massa, nella cultura e nella formazione di elementi di coscienza sociale e umanesimo, o nella loro perversione, in questa fase di crisi del capitalismo. Il dominio imperialista dei media e delle piattaforme digitali, e dei gruppi economici e mediatici “nazionali” che controllano i media dominanti in Portogallo, è un fatto sempre più evidente che condiziona l’informazione e il suo contenuto ideologico, a beneficio del grande capitale e delle forze politiche che lo servono.

Nella realtà portoghese di questo periodo assistiamo a una brutale offensiva portata avanti dal grande capitale, che include la promozione dei valori e del pensiero reazionario, il revisionismo e la falsificazione della storia, il fascismo e il 25 aprile. Una brutale e continua offensiva ideologica che ha come bersaglio preferenziale il PCP, la forza che il grande capitale identifica come la più coerente nell’opposizione e nella resistenza al suo dominio.

Un’offensiva in cui gli obiettivi di mutilazione e sovversione del regime democratico, di mettere in discussione i diritti politici, si affermano con crescente e palese chiarezza e dove si riconosce la chiara intenzione di criminalizzare la lotta sociale e politica. I quattro anni – dal 2015 al 2019 – che hanno corrisposto alla “nuova fase della vita politica nazionale”, non sono stati un periodo vano. In questo periodo i dogmi sono crollati e le tesi e le ragioni più volte sottolineate dal PCP sono state confermate.

Il percorso di difesa, sostituzione e conquista dei diritti che ha segnato la nuova fase della vita politica nazionale è stato possibile solo, come abbiamo analizzato nel nostro XX Congresso, per iniziativa e decisivo intervento del PCP. Di fronte alla sconfitta politica ed elettorale del governo PSD / CDS, si è imposto di interrompere la sua azione distruttiva e aprire prospettive per lo sviluppo della lotta di massa e istituzionale, visto il quadro politico e istituzionale emerso dalle elezioni del 2015.

Un’iniziativa che dava espressione alla lotta dei lavoratori e del popolo, aveva anche l’obiettivo di non perdere l’occasione, con il suo intervento, di compiere progressi, anche se limitati, per corrispondere al proprio impegno di intervenire in tutti i piani a difesa dei propri diritti. e interessi.
Un quadro che si è tradotto non nella formazione di un governo di sinistra o di una qualsiasi maggioranza di sinistra nell’Assemblea della Repubblica, ma nella formazione e nell’entrata in carica di un governo di minoranza del PS con un proprio programma.

Un quadro politico che esprimeva solo l’esistenza di un rapporto di forze in cui PSD e CDS-PP erano in minoranza, e in cui, allo stesso tempo, i gruppi parlamentari del PCP e dell’ENP condizionavano le decisioni ed erano determinanti e indispensabili alla difesa, sostituzione e conquista dei diritti e del reddito, mantenendo la piena libertà e indipendenza politica del PCP.

Questo è stato un periodo che ha rivelato, contrariamente a quanto si voleva istituire, che il miglioramento delle condizioni di vita, l’estensione dei diritti, la valorizzazione dei salari e delle pensioni, l’aumento del reddito disponibile delle famiglie, sono condizioni di crescita economica, creazione di ricchezza e occupazione. Ma ha anche dimostrato, come aveva sempre sottolineato il PCP, che, ferma restando l’importanza di rispondere a problemi più urgenti, le soluzioni e la politica di cui il Paese ha bisogno per garantire uno sviluppo sovrano, non trovano scampo nel corsetto delle opzioni di classe PS e il tuo governo.

Una fase della vita politica nazionale che non si misura solo da quanto è stato realizzato ma anche da quanto è stato interrotto e impedito da misure già annunciate per attaccare diritti, espropriazione di salari e redditi o alienazione di aziende e settori strategici , oltre a progetti di sovversione politica, elettorale e costituzionale a lungo ricercati dai protagonisti della politica di destra.

La Risoluzione Politica elenca una serie significativa di misure positive che, con l’intervento del PCP e la lotta dei lavoratori, hanno portato alla sostituzione di diritti precedentemente estorti e avanzamenti nei più svariati domini che vanno dal sociale al fiscale, dall’economia ai trasporti, dalla sanità istruzione e cultura.

Ciò che è stato ottenuto, essendo limitato, ha un significato concreto nella vita del popolo portoghese e non è andato oltre, perché il PS ha continuato ad essere legato a opzioni di classe che limitavano la portata e la portata della risposta che sarebbe stata necessaria. Fu attraverso la mano del PS che furono mantenute le opzioni essenziali, della legislazione sul lavoro; mancata ripresa da parte dello Stato di settori strategici, presenti in decenni di politica di destra.

In diverse materie, il PS non solo ha respinto proposte che in diverse aree rispondevano a problemi importanti, ma ha cercato, sulla base di inadempienze, accattivanti e tagli, di fare prevalenti criteri di bilancio determinati dalla sua sottomissione alle imposizioni dell’Unione europea.

Valorizzare ciò che è stato realizzato è di particolare importanza. Ha contribuito, nonostante i tentativi di appropriazione da parte del Governo, di misure positive non sue, per aumentare la consapevolezza che la lotta è decisiva, che vale la pena lottare, rivelando ancora una volta che nulla è offerto, che tutto è realizzato , che la lotta di massa e l’intervento del Partito, con adeguata guida, determinazione e tenacia, rende realtà ciò che molti pensano impossibile. L’attuale legislatura presenta una distinzione significativa rispetto al periodo precedente derivante dalla variazione dei rapporti di forza nell’Assemblea della Repubblica conseguente alle elezioni del 2019.

Da allora il PS si è liberato per dare espressione incondizionata alle opzioni politiche di destra che lo caratterizzano e si sono confermate nelle opzioni essenziali dell’azione governativa del suo attuale governo di minoranza.

Il governo del PS ha mantenuto i suoi impegni di classe nei confronti del capitale monopolistico garantendo, attraverso la legislazione sul lavoro, le condizioni per aggravare lo sfruttamento. Ha mantenuto intoccabili gli interessi legati ai PPP, non è tornata al controllo strategico dello Stato, come CTT, ha continuato a consegnare miliardi di euro alle banche, come rivela lo scandaloso caso del Novo Banco.

La risposta ai problemi nazionali, in termini di investimenti, servizi pubblici, rilancio dell’economia e recupero della capacità produttiva, si scontra con la tua opzione per il deficit. Ciò che è cambiato, infatti, tra la precedente e l’attuale legislatura sono le circostanze e non il PS e la sua politica.

La situazione economica e sociale del Paese è peggiorata negli ultimi mesi, brutalmente.Gli impatti dell’epidemia, il suo utilizzo da parte dei grandi capitali e la mancanza di una necessaria risposta da parte del Governo del PS, associati alle debolezze strutturali del Paese convergono ad uno scenario di forte calo del PIL, ad un significativo peggioramento del debito pubblico, ad un degrado della situazione sociale con l’aumento dello sfruttamento e della povertà, per un approfondimento della dipendenza esterna e della concentrazione e centralizzazione del capitale.

Una situazione che PSD, CDS e i loro sostituti dell’Iniziativa Liberale e Chega cercano di sfruttare, cavalcando la situazione di crisi e la mancanza di risposta del governo del PS ai problemi per rilanciare la loro politica di disastro nazionale e assalto ai diritti, salari, pensioni, condizioni di vita dei lavoratori e delle persone e risorse pubbliche, compreso il bilancio del Servizio Sanitario Nazionale.

Come è avvenuto negli ultimi anni, il nostro Partito ha portato avanti un proprio intervento e iniziativa guidato dal suo impegno nei confronti dei lavoratori e del popolo e determinato dal proprio programma e progetto politico.

Il PCP non è ora, come non è stato nella legislatura che è finita, governo o parte di una presunta “maggioranza”, ma una forza di opposizione a tutto ciò che contraddice o inverte gli interessi e i diritti dei lavoratori e delle persone, e una forza indispensabile con la sua iniziativa di avanzare nella conquista di nuovi diritti. Così è stato con l’intervento nel Bilancio dello Stato per il 2021, presentando una serie di proposte che, se pienamente approvate, avrebbero permesso di trovare le soluzioni necessarie nei diversi ambiti della vita economica, sociale e culturale. Le opzioni del PS non hanno consentito al bilancio di accogliere l’insieme di misure che sono state imposte e rifiutate più a livello globale, a seguito della convergenza tra PS e PSD, misure essenziali.

Ma la tenacia del PCP, la sua determinazione a non mollare il Paese, ha permesso l’inserimento nella versione finale del Bilancio dello Stato misure che avranno una traduzione concreta nella vita dei lavoratori e delle persone. Il PCP si è astenuto nel voto globale finale sul Bilancio dello Stato, garantendo che importanti proposte e soluzioni per le quali si è battuto e che sono state consacrate dalla sua azione, possano avere una traduzione nella vita dei lavoratori e delle persone.

Un’astensione che segna un allontanamento dalle opzioni e dai criteri che il Governo assume in un Bilancio di sua competenza. Il governo non ha scuse per dare la risposta che la situazione del paese e la vita dei lavoratori e delle persone richiedono.Insistiamo sul fatto che la risposta globale alla grave situazione economica e sociale che sta attraversando il Paese richiede il rispetto delle misure previste dal Bilancio ma anche oltre.

Questo è il momento per intervenire con decisione e lottare per garantire una risposta ai problemi dei lavoratori, delle persone e del Paese.

L’acutezza, l’ampiezza e la gravità con cui è scoppiata una serie di problemi economici e sociali associati all’epidemia continuano a richiedere misure e soluzioni urgenti che diano risposte più immediate ai problemi che i lavoratori e le persone devono affrontare.Ma ciò che la situazione nel Paese richiede, soprattutto, è spianare la strada ad un’altra politica che assicuri le condizioni per lo sviluppo sovrano del Paese, per aumentare con vigore gli investimenti pubblici, per superare i principali deficit strutturali, per valorizzare salari e diritti. lavoratori, per innalzare le condizioni di vita delle persone.

La necessaria risposta ai problemi nazionali non è compatibile con le opzioni espresse anche dal Governo. La visione e le opzioni che le attraversano non includono la necessaria valutazione dei lavoratori; propongono il mantenimento di tutti gli strumenti del neoliberismo; eludere completamente i vincoli imposti dall’assenza di sovranità monetaria e da un debito pubblico che consuma risorse pubbliche indispensabili; assumono lo Stato come facilitatore e finanziatore di gruppi economici, e ignorano il dominio da parte del capitale straniero di aziende e settori strategici. Lo sviluppo del Paese richiede opzioni sovrane, non dipendenti da criteri e decisioni di terzi, senza restrizioni o vincoli, in particolare nell’utilizzo dei fondi comunitari. Il processo di riassetto delle forze che i settori più reazionari stanno promuovendo, al fine di recuperare pienamente le condizioni per riprendere la loro offensiva, richiede la denuncia del PS e delle opzioni del suo Governo e la convergenza che, con l’approvazione del Presidente della Repubblica, controlli tra PS e PSD su questioni essenziali e sul combattimento e confronto con i progetti reazionari che PSD e CDS, e i loro sostituti politici hanno in corso.E chiede che, allo stesso tempo, sia chiaramente indicata la via della rottura con la politica di destra e l’affermazione e la concretizzazione di una politica alternativa, patriottica e di sinistra, indispensabile per lo sviluppo economico e il progresso sociale.

Il PCP ha risposte e soluzioni per far avanzare il paese. L’obiettivo del PCP è attuare una politica in grado di garantire lo sviluppo economico e il progresso sociale. Una politica per far progredire il paese, per rispondere pienamente ai diritti e alle aspirazioni dei lavoratori e del popolo portoghese, per affermare la sovranità nazionale. Una politica al servizio del popolo e del Paese, basata sulla Costituzione della Repubblica, che afferma e proietta i valori di Aprile che assicura la costruzione di un Portogallo sviluppato, di progresso e di uguaglianza. Una politica patriottica e di sinistra che si sviluppa intorno ai seguenti principali obiettivi:

– Un Portogallo libero e sovrano, un paese che comanda il suo destino, un popolo che costruisce il suo futuro.

– Un paese sviluppato e solidale, dove i lavoratori e le persone trovano una risposta piena alla realizzazione dei loro diritti e aspirazioni.

– La difesa dei settori produttivi e della produzione nazionale e l’affermazione della proprietà sociale e del ruolo dello Stato nell’economia.

– Uno Stato al servizio delle persone, che fa valere i diritti sociali, assicura il diritto alla salute, all’istruzione e alla protezione sociale, promuove la cultura, garantisce il diritto alla mobilità e alla casa.

– Un Paese coeso ed equilibrato, garanzia di progresso e condizioni di vita in tutto il territorio, nel continente e nelle regioni autonome, nelle città e nelle aree rurali, la difesa dell’interno e del mondo rurale, basata sulla regionalizzazione e l’ordinamento territorio e una politica ambientale che salvaguardi la natura.

– Un Portogallo libero e democratico, basato sul rispetto dei diritti e delle libertà e sul rispetto della Costituzione della Repubblica.

Garantire la sostenibilità demografica del Paese, ridurre le disuguaglianze sociali, correggere le asimmetrie regionali, sviluppare forze produttive, garantire uno stato e servizi pubblici che soddisfino i bisogni, aumentare il livello di investimenti pubblici, chiedere altre opzioni, contrarie a quelle che PS, PSD e CDS vogliono continuare a imporre e che, invece di risolvere, aggravano i problemi strutturali esistenti.

Ciò che richiede e pone come segni distintivi e una rottura con la politica di destra.

L’apprezzamento salariale assunto come emergenza nazionale; procedere verso una politica fiscale equa; priorità agli investimenti pubblici; portare avanti un ambizioso programma di finanziamento dei servizi pubblici e delle funzioni sociali dello Stato; iscrivere un programma di investimenti sanitari come priorità assoluta; attuare uno straordinario programma di investimenti nel settore dei trasporti pubblici; affermare, rafforzare ed espandere la protezione sociale; garantire un salto qualitativo e quantitativo nello sviluppo delle forze produttive, in particolare con l’economia digitale; andare verso una svolta nelle politiche ambientali; avanzare nella ripresa pubblica dei settori strategici; assicurare un paese coeso ed equilibrato e una regionalizzazione; un nuovo corso per la giustizia e una ferma lotta alla corruzione.

La situazione che il Paese sta vivendo con l’epidemia di Covid-19, rende più attuale, ancor più necessaria la politica alternativa che il PCP propone. Le condizioni per affermare e concretizzare la politica alternativa che sosteniamo sono l’impegnativo lavoro di azione politica nella ricerca della convergenza di democratici e patrioti, di tutti coloro che non possono conformarsi a un paese ridotto a semplice regione europea, a colonia dei poteri del Directory di Bruxelles. Comporta il rafforzamento del PCP e la costruzione di un ampio fronte sociale e di massa convinti che sia possibile sconfiggere la destra e la politica di destra.

Sì, la politica alternativa che il PCP incarna è fattibile con la forza e la lotta dei lavoratori e delle persone portoghesi. Con l’allargamento dell’influenza sociale, politica ed elettorale del PCP e dei suoi alleati.

Sì, la realizzazione dell’alternativa è inseparabile dalla forza e dalla determinazione della lotta della classe operaia, dei lavoratori e di tutti gli strati anti-monopolio.

Compagni,

È stata la lotta di massa persistente, prolungata e vigorosa che ha sconfitto il governo PSD / CDS, interrompendo un corso di disastro. È stata la lotta che ha dato un forte sostegno a ogni proposta che il nostro Partito ha presentato e che è riuscito a realizzare. È stata la lotta che ha assicurato la sostituzione, la difesa e la conquista dei diritti. La lotta era l’elemento più decisivo per migliorare le condizioni di vita e di lavoro. È stata la lotta che ha permesso di resistere all’attacco ai diritti e alla limitazione delle libertà e delle garanzie. Sarà attraverso la lotta e nella lotta che l’alternativa emergerà e costruirà.

In questa lotta, condizione per l’elevazione della coscienza sociale e politica delle masse, spicca il ruolo centrale che determina la classe operaia e i lavoratori come forza trainante e intensa di questo ampio fronte sociale di lotta che coinvolge altre classi e strati sociali non monopolistici. e popolazioni. Lotta, tanto più vigorosa e importante in quanto contava, fondamentalmente, con la capacità di organizzazione e mobilitazione dei lavoratori, dei sindacati del Movimento sindacale unitario e della sua centrale sindacale di classe, CGTP-IN, a garantirne la dimensione. CGTP-IN, che salutiamo qui nell’anno che celebra il suo cinquantesimo anniversario.

In un contesto di forte attacco alla sua struttura e ai suoi attivisti, delegati e dirigenti, CGTP-IN si è confermata la grande centrale sindacale dei lavoratori in Portogallo, l’organizzazione ferma, coerente e affidabile che, nel corso dei suoi 50 anni di storia, resistenza al fascismo, Rivoluzione d’Aprile, controrivoluzione e decenni di politica di destra, ha sempre svolto il suo ruolo e si è assunto le sue responsabilità in difesa degli interessi dei lavoratori e del Paese.

La sua forza e influenza sono radicate nel profondo legame con i lavoratori e con il luogo di lavoro, nella fiducia che i lavoratori ripongono in esso, inseparabile dall’affermazione della sua natura di classe, basata su una pratica di azione sviluppata nel pieno rispetto dei suoi principi e caratteristiche essenziali, organizzazione di massa, unitaria, democratica, indipendente e solidale. La lotta si è sviluppata in particolare aumentando i salari, contro la precarietà e la sicurezza del lavoro e per l’occupazione con diritti, riducendo l’orario di lavoro e contro la loro deregolamentazione, in difesa della contrattazione collettiva e dei diritti ivi sanciti, contro scadenza e sostituzione del principio del trattamento più favorevole per i lavoratori, coinvolgendo migliaia di lavoratori delle principali industrie, commercio, servizi e alberghi, trasporti e comunicazioni, pescatori, arti e spettacolo.

Ma anche i lavoratori della Pubblica Amministrazione, Centrale e Locale, per l’aumento degli stipendi, contro la precarietà, per il supplemento malsano, dolore e rischio, per il conteggio dei tempi di servizio, per un giusto sistema di valutazione, mobilitando i lavoratori di tutti i settori dell’Amministrazione, nonché i lavoratori delle aziende del Settore Imprese dello Stato.

Diamo il benvenuto a tutti questi lavoratori che hanno contribuito con impegno alla risoluzione dei problemi e al raggiungimento dei diritti individuali e collettivi.

Sono lotte e vittorie che danno un innegabile contributo ad animare la lotta di altre classi, strati e gruppi sociali e delle popolazioni che hanno raggiunto una dimensione rilevante e hanno contribuito alla risoluzione di problemi concreti e ad accrescere la consapevolezza delle potenzialità della lotta, e espandere il fronte sociale della lotta, fattore determinante di convergenza sul piano politico con l’obiettivo di sconfiggere la politica di destra.

La lotta delle classi e degli strati non monopolistici, dei gruppi sociali e delle popolazioni, anche con ritmi e dinamiche molto diversi, si è sviluppata in tutto il Paese:

– Agricoltori contro le politiche che disprezzano l’agricoltura familiare e la piccola e media agricoltura, ovvero il grande evento nazionale promosso dalla Confederazione Nazionale dell’Agricoltura (CNA), nel novembre 2018, a difesa della produzione nazionale e del mondo rurale;

– Micro, piccoli e medi imprenditori, contro lo schiacciamento da parte di gruppi monopolistici;

– Quadri tecnici e intellettuali, ovvero contro la precarietà e l’accesso alla professione;

– I lavoratori e gli agenti delle arti e della cultura per una politica di promozione e sostegno delle arti che riconosca e valorizzi il loro ruolo importante nella società e garantisca un’effettiva libertà culturale e artistica;

– Gioventù e JCP attorno alle loro aspirazioni, con enfasi sull’occupazione con diritti, scuola pubblica gratuita e di qualità, uguaglianza, accesso all’alloggio, diritto alla mobilità, sport e cultura e difesa del ambiente;

– Donne, mobilitate dal Movimento Democratico delle Donne, per l’uguaglianza e l’esercizio dei loro diritti e in particolare le manifestazioni tenutesi a Lisbona per commemorare l’8 marzo;

– Per i pensionati, i pensionati e gli anziani e il loro movimento – il MURPI – per la valorizzazione delle loro pensioni, per un invecchiamento dignitoso;

– Professionisti delle forze e dei servizi di sicurezza, intorno alle loro rivendicazioni sindacali e socio-professionali;

– Emigranti e tutti i discendenti portoghesi e portoghesi in difesa dei diritti delle comunità portoghesi all’estero;

– Immigrati per il diritto alla legalizzazione, contro la discriminazione, chiedendo il rispetto della Costituzione della Repubblica portoghese.

Eppure la lotta:

– In difesa della pace, contro il militarismo e la guerra, la NATO e l’imperialismo;

– Per la difesa dell’ambiente e dell’equilibrio ecologico, nel rispetto dei limiti delle risorse naturali;

– Contro ogni discriminazione, in particolare contro il razzismo, la xenofobia e l’orientamento sessuale;

– Popolazioni per il diritto alla casa, a difesa dei servizi pubblici e delle funzioni sociali dello Stato.

Lotte che vanno valorizzate e la cui profondità e sviluppo è inscindibile dal rafforzamento dell’organizzazione e dalla capacità portante dei suoi movimenti e organizzazioni e che sono parte determinante del percorso da intraprendere per l’alternativa.

La riconosciuta e comprovata esperienza di lavoro, onestà e competenza è presente nell’intervento dei comunisti eletti. Nell’Assemblea della Repubblica con un ruolo decisivo nel presentare soluzioni ai problemi nazionali e tradurle in molti dei progressi fatti nei diritti e nel miglioramento delle condizioni di vita. Al Parlamento Europeo affermare e difendere gli interessi nazionali, contrastando la sottomissione del Paese a strumenti e politiche che ostacolano lo sviluppo sovrano del Paese. Nelle Assemblee Legislative delle regioni autonome delle Azzorre e di Maceira, intervenendo affinché l’autonomia regionale si traduca in sviluppo, innalzamento delle condizioni di vita e sfruttamento delle potenzialità e delle risorse delle regioni. Negli Enti Locali attua un progetto distintivo tradotto in un patrimonio di lavoro e lavoro al servizio delle popolazioni e dello sviluppo locale, difendendo e dando voce agli interessi e alle aspirazioni popolari.

In tutte le circostanze e istituzioni con l’obiettivo di difendere i diritti dei lavoratori e delle persone, lo sviluppo economico, sociale e culturale di ogni parte del territorio nazionale, lottando per una politica alternativa che risponda ai problemi nazionali.

Entreremo nel nuovo anno con lo svolgimento delle elezioni presidenziali con l’importanza che viene data e alla quale dà voce ed espressione il compagno João Ferreira, tanto più importante in quanto costituisce la candidatura che mette il lavoro e i lavoratori al centro della sua azione e concepisce un esercizio di funzioni presidenziali in cui questo organo sovrano è tenuto a rispettare la Costituzione e i diritti fondamentali che essa sancisce. E anche questa importante battaglia che costituiranno le elezioni per gli enti locali per affermare il percorso di lavoro nella promozione delle condizioni di vita di ogni parrocchia e comune.

Una battaglia che richiede un’ampia partecipazione unitaria, facendo della CDU lo spazio di convergenza democratica con un’ampia presenza in tutte le contee del Paese.

Il PCP ha dimostrato negli ultimi anni nella società portoghese il suo impegno nei confronti dei lavoratori e del popolo, la sua indipendenza di classe. Analizziamo, decidiamo e agiamo in base a ciò che riteniamo necessario per il Paese, in modo veritiero e diretto, senza cedere a campagne, bugie o minacce. I lavoratori e le persone portoghesi sanno di aver contato e possono contare sul PCP in tutte le circostanze.

Il PCP ha una sua identità inconfondibile, l’identità comunista che lo differenzia con tratti fondamentali ben definiti. Il PCP, per la sua pratica, orientamento e concezione, assume le caratteristiche essenziali dell’identità comunista: è il partito della classe operaia e di tutti i lavoratori, che difende gli interessi delle classi e degli strati antimonopolistici, indipendentemente da influenza, interessi, ideologia e la politica delle forze del capitale, con uno stretto legame con la classe operaia, i lavoratori e il popolo in generale. I suoi obiettivi supremi sono la costruzione del socialismo e del comunismo, di una società libera dallo sfruttamento e dall’oppressione capitalista. La sua base teorica è il marxismo-leninismo, una concezione materialista e dialettica del mondo, uno strumento di analisi, una guida per l’azione, un’ideologia critica e trasformativa. Ha principi operativi derivanti dallo sviluppo creativo del centralismo democratico, basato su una profonda democrazia interna, un unico orientamento generale e un’unica direzione centrale. È un partito patriottico e internazionalista.

Il Partito ha affrontato l’offensiva reazionaria e anticomunista, una delle più forti dal 25 aprile, in cui i nemici dei lavoratori ricorrevano a tutto per attaccare, indebolire e distruggere il Partito. Il Partito ha resistito, come nessun altro avrebbe potuto fare, e questo perché noi siamo quello che siamo, abbiamo le caratteristiche che ci distinguono da tutti gli altri.

Gli ultimi anni sono stati di grande intensità, l’attività svolta ha messo alla prova il Partito e l’organizzazione ha risposto. Un lavoro straordinario ai vari livelli, una dedizione notevole, la militanza di migliaia di membri del Partito nei diversi compiti che hanno svolto e stanno facendo al Partito.
Combattiamo e agiamo con il Partito che abbiamo, una grande forza organizzata e determinata nei suoi obiettivi, con problemi e insufficienze certe, che ha bisogno di essere più forte come è necessario, ma una grande forza unica nel nostro Paese. Nel lavoro di gestione rispondiamo nell’essenziale ma è necessario superare le carenze.

I quadri svolgono un ruolo decisivo, i nuovi quadri hanno assunto responsabilità a vari livelli, compresi i nuovi funzionari di partito, che non sono impiegati, svolgono un ruolo chiave come quadri rivoluzionari, militanti a tempo pieno. È essenziale aumentare il numero dei quadri a tutti i livelli, la forza e la capacità di mobilitazione del Partito dipende in larga misura ed è necessario sviluppare la formazione politica e ideologica, continuando e intensificando il lavoro svolto con corsi e altre iniziative di formazione.

Il reclutamento di nuovi militanti negli ultimi anni è stato importante, costituisce una fonte di rinnovamento e ringiovanimento, circa i due terzi dei nuovi militanti avevano meno di 50 anni quando si sono iscritti al Partito, ma non ha compensato le uscite, con una riduzione del numero dei membri del partito. Abbiamo portato avanti l’azione con 5.000 contatti, abbiamo parlato individualmente con più di 5.000 lavoratori, 1.350 si sono uniti al Partito e molti altri hanno espresso la volontà di aiutare, un’esperienza importante che dovrebbe contraddistinguere il nostro stile di lavoro. Per il futuro, ancora più attenzione e priorità deve essere data al rafforzamento dell’organizzazione e dell’intervento del Partito con la classe operaia e i lavoratori, nelle aziende e nei luoghi di lavoro e in questo contesto si evidenziano i lavori in corso per la responsabilizzazione di oltre 100 compagni per le cellule e la creazione di oltre 100 cellule aziendali e lavorative. 

È necessario prestare attenzione alle organizzazioni locali e al contenuto della loro azione in relazione alle popolazioni, nonché all’intervento con strati e settori specifici; giovani e JCP; le donne; micro, piccoli e medi imprenditori; piccoli e medi agricoltori; pescatori; intellettuali e personale tecnico e area della cultura; pensionati e pensionati; emigranti, comunità portoghesi e discendenti portoghesi all’estero; immigrati; persone con disabilità; disoccupati.

Il legame con i lavoratori e le popolazioni, il legame con le masse è un elemento centrale delle caratteristiche del Partito, ci sono progressi, ma ci sono anche organizzazioni più chiuse. In tutte le organizzazioni, ovunque, come mostra la nostra esperienza storica, è necessario mantenere e approfondire il legame con i lavoratori e le popolazioni.

L’offensiva ideologica diretta dai centri del grande capitale e dai suoi settori più reazionari, esige da noi resistenza e iniziativa nella lotta politica e ideologica, nel lavoro di informazione, propaganda, stampa e attività editoriale. I mezzi sono molto sbilanciati, il controllo da parte del grande capitale dei principali media è una prova, ma abbiamo i nostri mezzi, la nostra organizzazione, l’azione militante dell’informazione e della propaganda, il lavoro sulle piattaforme digitali che si è approfondito e sviluppato negli ultimi anni, Avante! e Militant, un insieme di mezzi che deve essere migliorato e utilizzato in tutte le sue dimensioni e impatto.

Nel diverso contenuto dell’azione del PCP, in tanti modi, dall’informazione e propaganda, alla costruzione di soluzioni, all’uso di tutte le forme di lotta, c’è anche una dimensione che ci caratterizza e ci distingue, la sintesi, la fusione e l’integrazione di l’azione politica, con l’arte, la cultura, lo sport, il patrimonio, la convivialità, le più diverse espressioni dell’esperienza umana. Tutto questo è un esempio di questo risultato straordinario e unico che è la Festa do Avante !. Ci sono menti ristrette e arretrate che non amano, non vogliono, odiano davvero la solidarietà, la cultura, l’amicizia e quindi detestano anche il Partito. È sempre stato così, anche quest’anno, con il pretesto dell’epidemia, hanno rotto la patina democratica e scatenato l’odio, ma la forza della lotta, la solidarietà, la cultura, con tutta la sicurezza e la responsabilità, hanno fatto la Festa do Avante! Il 2020 e il suo straordinario rally ne sono un esempio. Andiamo avanti, ora è il momento in cui l’Avante Festival del prossimo anno viene lanciato e progettato con ingegno e arte.

Siamo un partito la cui caratteristica è la sua indipendenza politica e ideologica, che richiede anche mezzi propri che non dipendono da nessun altro che da noi, dall’organizzazione, dagli strumenti pubblicitari, dalle strutture e dai centri di lavoro e anche dai mezzi finanziari. indispensabile per l’attività del Partito. L’indipendenza finanziaria è essenziale per garantire l’indipendenza, l’attività e l’intervento del Partito. I fondi del Partito implicano un’attenzione permanente e diffusa, il controllo delle spese e l’aumento delle entrate, l’elemento centrale dei quali è il valore e il pagamento regolare della quota di ciascun membro del Partito e integra campagne e iniziative di finanziamento evidenziate in questo momento per l’importante campagna di fondi nazionali “il futuro ha un partito”.

Abbiamo carenze, problemi e ostacoli, ma abbiamo la forza, la convinzione e la determinazione per superarli. I lavoratori e le persone portoghesi hanno bisogno del PCP, la situazione richiede un PCP più forte e influente. Andiamo a questo, collegando iniziativa e intervento politico al rafforzamento del Partito. Questo XXI Congresso è di per sé una dimostrazione della nostra determinazione, del nostro impegno per i lavoratori e il popolo, di un partito che agisce ogni giorno ed è qui per discutere e indicare soluzioni per il futuro del Portogallo, per un paese più sviluppato e più sviluppato. giusto.

Determinazione e impegno verso i lavoratori e le persone messe alla prova e temprate in questa lotta secolare che abbiamo combattuto e dove non abbiamo avuto vita facile.
Si tratta di una situazione complessa e difficile, in un contesto e in un contesto politico di incertezza e insicurezza, di esercizio della paura, in cui le forze più retrograde non si limitano a diffondere la paura di morire, ma cercano di trasformarla in paura di vivere. , lavorare e combattere. Dobbiamo salvare la speranza, con la nostra fiducia, in un futuro migliore per i lavoratori, le persone e la nostra patria.

Lunga vita al XXI Congresso!
Lunga vita alla lotta dei lavoratori e dei popoli!
Lunga vita al Partito Comunista Portoghese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...