L’imperialismo è nudo

di Zillah White da Portal Vermelho

Traduzione di Marica Guazzora

L’imperialismo serve prima di tutto la nazione americana. La democrazia è stata tessuta insieme allo sviluppo industriale. Ma l’espansione del sistema capitalista privilegia la proprietà privata dei beni di produzione e del capitale, la padronanza dell’organizzazione sociale, per favorire un’élite e sfruttare i lavoratori, e il mercato interno e internazionale per accumulare profitti.

Nel corso del ventesimo secolo, l’Impero fu confuso con la nazione che ha il nome globalizzato del continente, Stati Uniti d’America. Dalla Grande Guerra, l’Impero intendeva abbracciare i paesi dell’Europa sotto il suo controllo. Furono gli incontri nel gruppo Bilderberg dove il Fondo Monetario Internazionale consigliò la nascita della CEE, Comunità Economica Europea.

Ma esisteva già un blocco socialista, l’Unione Sovietica, che era in contrasto con i principi individualisti del potere e dell’appropriazione capitalista delle risorse sociali, e intendeva beneficiarne  democraticamente l’intero popolo. Di fronte alla minaccia espansionista della Germania fascista, gli “alleati” Europa e Stati Uniti per vincere il nemico furono costretti a ricorrere alla “rossa URSS”  che aveva già iniziato attraverso i rapporti finanziari e del mercato esterno a bloccare l’espansione imperialista.

Da quel momento in poi gli europei decisero di creare un’organizzazione degli Stati Uniti d’Europa, l’Unione europea – UE – in grado di difendere i paesi capitalisti del continente di fronte all’avidità imperiale  degli Stati Uniti. Erano uniti dallo stesso sistema capitalista, ma indipendenti.

Erano alleati per combattere il socialismo,  che attirava sia le persone sfruttate che le forze di sinistra dei paesi europei,  quelle forze in cui il socialismo aveva suscitato interesse per difendere la classe oppressa.  Così iniziarono  la guerra fredda per  minare il sistema socialista consolidando  i legami che li univano ideologicamente contro il nemico comune, e rimanendo indipendenti (con il FMI legato alla Troika e alla Banca centrale).

Negli anni ’90, usando le moderne tecnologie applicate ai media, esercitarono una forte pressione sul comportamento e sulla formazione mentale delle popolazioni che credevano di avere un sistema di educazione, di salute e di benessere sociale, di legislazione del lavoro, come già sostenuto dal socialismo dell’URSS,  senza rendersi conto che tutto questo era sotto il controllo dello Stato, con i bilanci che l’élite approvava secondo i propri interessi di classe.

I media, utilizzando verso i meno istruiti  le parole religiose del Medioevo del rispetto del povero verso il ricco,   di coloro che posseggono l’istruzione superiore,  convinsero la gente che dovrebbe dovuto accettare il comando delle élite e le restrizioni imposte direttamente dallo Stato, come una fatalità, ricevendo i vantaggi di un servizio sociale accompagnato da leggi in materia di lavoro, che ressero fino a quando vollero i padroni.

Per tutto il ventesimo secolo, i partiti di sinistra hanno combattuto per una  graduale realizzazione di prestazioni sociali e le élite sono stati “maestri di potere ” nell’apparire democratici  e umanistici  attraverso quelle  piccole concessioni che alleviano la miseria della classe sfruttata, ma che non le permettono di salire socialmente ed economicamente secondo la sua capacità produttiva.

Le differenze tra i popoli dei paesi ricchi e poveri e quelli dei paesi sviluppati e sottosviluppati (che sono stati definiti “in via di sviluppo” per mascherare la miseria attuale) sono aumentati. Tuttavia, tali rendimenti, anche piccoli, ridussero  i profitti e minacciarono il potere che il sistema capitalista voleva aumentare. E senza raggiungere i profitti desiderati, il sistema capitalista entrò in crisi, le banche  e le società finanziarie decretarono la bancarotta prendendo i risparmi della piccola borghesia, dei piccoli proprietari. La contraddizione di un sistema progettato per aumentare il capitale nelle mani di un’élite con una distribuzione del reddito democratica, per promuovere lo sviluppo delle nazioni e soddisfare i bisogni della gente, è insuperabile.

Gli imperi hanno iniziato a usare la forza per distruggere gli stati democratici o le forze politiche che resistono affinché la crisi non colpisca i lavoratori e le loro famiglie.

Organizzando  non solo un media mainstream per diffondere menzogne, ​​per convincere la gente a sacrificarsi per il paese, ma organizzando anche  le forze militari e di polizia per  invadere nazioni e provocare l’esodo di milioni di rifugiati (come è stato fatto dalla NATO nel Medio Oriente e in Africa, e ora in America Latina -) o, come è successo nei paesi dell’America Latina e dell’Africa, o in Indonesia, dove invadono case, scuole, manifestazioni popolari. Finanziano e stimolano la formazione di gruppi terroristici per destabilizzare con  società silenziose che praticano crimini, distribuzione di droga, sfruttamento sessuale, pedofilia, corruzione di funzionari statali e società di servizi pubblici. Creano una cultura perniciosa che favorisce l’egoismo e l’alienazione sociale,

Più recentemente, hanno istituito dipartimenti con i governi per “fornire consigli sulla pianificazione economica e sociale”, “formare i responsabili della sicurezza pubblica” e “stabilire le condizioni per il recupero delle finanze a scapito dell’austerità popolare”, aprendo le porte alla privatizzazione della salute e dell’ istruzione, riducendo i budget del sistema pubblico, causando disoccupazione, tagli ai salari, per minare le istituzioni democratiche responsabili dello stato sociale e il sistema giudiziario e di sicurezza nelle nazioni che perdono così la loro sovranità e sono disorganizzate con un caos sociale incontrollabile.

Minano le istituzioni democratiche che ancora esistono, al fine di eleggere come presidenti gente incapace e corrotta che chiude con  la giustizia e  impone un ordine dittatoriale, corrispondente al disperato desiderio degli elettori insoddisfatti della vita caotica che viene favorita dalla “notizia falsa” ripetuta attraverso la tecnologia moderna virtuale, manipolata da media globali e da religioni medievali.

Oggi l’imperialismo USA adopera apertamente le forze militari statunitensi e dell’intelligence per “consigliare” governi deboli o coinvolgere l’esercito dell’Europa attraverso la NATO e gli accordi con i paesi dell’UE,  per invadere paesi del Medio Oriente e dell’Africa, e provoca disordini nei vari continenti, vittime del sottosviluppo derivante dalla vecchia colonizzazione europea.

Inizia a offrire ai governi delle nazioni europee il sistema (usato con i paesi in via di sviluppo) di “consigli” dell’FBI, della CIA, della DEA, che vengono impiantati come virus dagli Stati Uniti. La missione di questi “consiglieri”, dei cosiddetti “imprenditori”, oltre a invadere il sistema nazionale, è quello di produrre piani di sviluppo economico e sociale che impongano dipendenza all’impero che godrà della decadenza impiantata nelle nazioni di tutto il mondo.

Questo è il rimedio previsto per la crisi di un sistema fallito: il caos globalizzato.

Questo quadro è stato svelato in Brasile dove un governo democratico come il PT (Partido dos Trabalhadores) ha apportato importanti trasformazioni benefiche per il popolo e lo sviluppo nazionale, creando le condizioni per il suo rafforzamento internazionale, ma è stato minato dagli “avvisi” statunitensi che si sono infiltrati come cellule cancerogene distruggendo il tessuto politico del paese.

Il modello del Presidente quale servitore di  questo ruolo nefasto degli stati moderni,    è quello di una personalità distruttrice, paranoica, ambiziosa,  con potere assoluto, senza alcun principio etico e umanistico, freddo e calcolatore, un server di comando  che ripete come un bambolotto ventriloquo, assolutamente disumanizzato.

Così sono Trump negli Stati Uniti e Bolsonaro in Brasile, e altri che stanno arrivando, ma hanno ancora qualche antidoto europeo.

 

*Social Scientist, consulente di Cebrapaz. Ha esperienza di vita e lavoro in Cile, Portogallo e Capo Verde

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...