Dal governo ennesimo attacco a pensionate e pensionati: da Monti il danno, da Renzi la beffa

Il 10 marzo 2015 la Corte Costituzionale ha respinto l’ennesimo attacco alle pensionate e ai pensionati portato avanti dal governo Monti-Fornero respingendo la parte della legge “Salva Italia” del pensioni2011 che bloccava interamente per gli anni 2012 e 2013 la rivalutazione sull’inflazione annuale delle pensioni uguali o superiori a 1400 euro lordi.

Il blocco ha colpito 5.474.709 pensionati/e che hanno complessivamente sborsato alla Stato dal 2012 la somma di 9.740.659.760 euro per una perdita media procapite di 1.779 euro all’anno, perdita che senza l’intervento della Corte Costituzione sarebbe stata in progressivo aumento e senza poter essere più recuperata.

Ora il governo Renzi senza se e senza ma, deve restituire il maltolto senza ulteriori indugi e senza i soliti trucchetti parolai e false campagne di stampa che il sig. Matteo Renzi ci propina quotidianamente.

Intanto la lotta per la modifica della riforma previdenziale del governo Monti-Fornero  deve continuare per difendere le pensioni più basse, quelle fino a 1000 euro. La patrimoniale in questo paese è stata pagata da pensionate e pensionati ed è ora di dire BASTA! Occorre aprire subito il confronto con le OO.SS per definire misure che riparino i guasti prodotti dalla riforma Fornero a danno dei giovani, delle donne, dei lavoratori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...