Storie di donne nella Resistenza: Loreta Valadares (Bahia – Brasile)

 www.escolapcdob.org

Traduzione di Marica Guazzora

(1943-2004) Militante del movimento studentesco dell’azione popolare (AP), negli anni ’60, ha partecipato coraggiosamente alla lotta contro la dittatura militare del Brasile. La lunga serie di  imprigionamenti e torture compromisero profondamente la sua salute, ma non le impedirono di perseguire la sua fedele militanza comunista. In piena clandestinità, ha lavorato con Diogenes Arruda e altri compagni nell’organizzazione di corsi sul marxismo-leninismo. Negli anni ’80 è stata professoressa di Scienze politiche presso la Facoltà di Filosofia e Scienze umane dell’Università Federale di Bahia. Era anche insegnante nei corsi nazionali alla scuola del PCdoB. Ha scritto testi importanti sui fondamenti del leninismo  e sul PCdoB, che sono stati bibliografia dei vari corsi di partito. Una leader emancipazionista, che oltre alla testimonianza della vita, offre un enorme contributo al movimento delle donne e alla lotta per la conquista e la garanzia dei diritti umani nel paese. Loreta è stata anche tra le fondatrici dell’Unione Brasiliana delle Donne (UBM), creata nel 1988.

Dal 2005, presta il suo nome al Centro di riferimento Loreta Valadares – Prevenzione e attenzione alle donne in situazione di violenza (CRLV), a Salvador-Bahia. In suo onore è stata anche costituita la Scuola di Formazione Loreta Valadares, la sezione statale / BA della Scuola Nazionale di PCdoB.

Il Centro Loreta Valadares ha già servito più di 9.000 donne vittime di violenza.
Per l’accoglienza delle donne vittime di violenza il Centro di riferimento per le donne Loreta Valadares (CRLV) offre supporto psicologico e sociale, orientamento e informazione legale, e  supporto didattico per i bambini che hanno bisogno di essere seguiti. Sono donne vittime di violenze fisiche, psicologiche, sessuali, morali e patrimoniali.

Lo spazio, gestito attraverso il Dipartimento municipale per le politiche per donne, bambini e giovani (SPMJ), è operativo dal 2013. Durante questo periodo, nell’unità sono state assistite circa 9.000 donne. Solo nel primo trimestre di quest’anno, (2017)  49 sono sono state registrate per il servizio in loco. In questo stesso periodo, la Loreta ha anche mantenuto l’accompagnamento di circa altre 100 donne che erano già state ospiti del centro in momenti precedenti.

Nell’istituzione, le vittime attraversano quattro fasi di assistenza che vanno dalla consulenza in tempi di crisi alle attività di prevenzione della violenza. “Ogni attenzione prestata alle donne conta sulla segretezza e sulla privacy assoluta. Ci sono vittime che smettono di venire  pensando che non saranno rispettate “, ha spiegato la segretaria. Taissa Gama. Qualche lavoro svolto con le vittime nell’istituzione può essere svolto individualmente o collettivamente attraverso l’inserimento di donne in gruppi terapeutici, yoga, bio-danza o persino laboratori produttivi.

Attraverso il Centro di riferimento, vengono offerte anche attività e lezioni incentrate sul recupero dell’autostima femminile e per il  superamento di traumi e conflitti. Tra le attività sono progetti come la Quinta tematica, che incoraggia la discussione di questioni che hanno un impatto sulle donne dell’universo come ‘femminilizzazione di AIDS’ e ‘visibilità lesbica’.

La violenza più ricorrente identificata da Loreta è la violenza psicologica. La vittima è stata aggredita fisicamente o con  altri tipi di violenza come nei casi di violenza psicologica e morale, in cui di solito il partner della donna usa metodi per abbassare l’autostima della donna attraverso   la critica distruttiva e gli insulti.

Con sede nel quartiere Barris, il Loreta ha una proprietà composta da sette sale dedicate alla fornitura di servizi, una delle quali è destinata all’accoglienza di anziani e disabili. Lo spazio ha anche una biblioteca di giocattoli, una sala di videoproiezione, un incontro di gruppo tematico e una cucina sperimentale per lo sviluppo di corsi professionali. Il sito ospita ancora il Centro di documentazione e informazione e una sala per i rappresentanti del Ministero pubblico di Bahia.

logo_360

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...