Il Bloco de Esquerda e le aggressioni imperialiste

Il Bloco de Esquerda  e le aggressioni imperialiste

Disinformazione. Il testo sulla Siria presentato dal Blocco di sinistra nell’Assemblea della Repubblica e approvato con i voti favorevoli di CDS, PSD, PS, BE e PAN «avrebbe potuto essere sottoscritto dallo stesso Donald Trump», come João Oliveira eloquentemente ha detto, nel presentare la dichiarazione di voto controrario del   Partito Comunista Portoghese. Il testo di BE riproduce tutti i modelli di propaganda dell’aggressione contro la Siria.

Non dice nulla circa le cause di fondo di quella guerra, che è solo una,  nella lista infinita di guerre e interferenze imperialiste. Né sulla natura terroristica degli eserciti fondamentalisti, armati e finanziati dall’imperialismo per imporre il proprio dominio nella regione, attraverso la morte e la distruzione degli stati che rifiutano di sottomettersi. Ed è un peccato,  perché è importante capirne le cause. Come tutte le guerre di aggressione da parte dell’imperialismo, la guerra contro la Siria non è combattuta solo a livello militare. È anche combattuta attraverso enormi e bugiarde campagne di propaganda che quotidianamente ci entrano in casa, in tutto analoghe a quelle  già usate in altre guerre. Era così con le inesistenti “armi di distruzione di massa di Saddam Hussein”. Così è stato con gli inesistenti ‘bombardamenti di Gheddafi sul suo popolo”, esplicitamente negati a suo tempo dall’ambasciatore del Portogallo in Libia, Rui Lopes Aleixo (Antena 1, 23.2.11) e successivamente dalla Relazione della Commissione per gli Affari esteri della Camera dei Comuni nel settembre 2016. Così è stato con la campagna di demonizzazione di Milosevic, presentato come “macellaio dei Balcani e nuovo Hitler”, a ‘giustificare’ la guerra della NATO contro la Jugoslavia, ma non ha fatto notizia che dieci anni dopo la sua morte,  nelle segrete del Tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia, quello stesso “tribunale dei vincitori”, ha dovuto infine ammettere che Milosevic non aveva sponsorizzato alcun genocidio (Avante!, 18/08/16).

Ci sono innumerevoli documenti ufficiali delle potenze imperialiste che confessano le loro provocazioni e le loro menzogne ​​di guerra. Ricordiamo i documenti del Pentagono relativi alla guerra del Vietnam. O l’incredibile documento che riporta l’ Operazione Northwoods, documento preparato dai Capi di Stato Maggiore degli Stati Uniti nel 1962 con “una breve ma concreta descrizione dei pretesti che possono fornire una  seria giustificazione per l’intervento militare statunitense a Cuba” e che comprendeva, tra gli altri, il suggerimento di organizzare campagne di bombardamenti nel territorio degli Stati Uniti o la messa in scena di bombardamenti di aerei civili o di affondamento di navi , con “finti funerali di false vittime” e tutti da imputare alla Rivoluzione cubana. Basta ricordare i documenti scoperti negli archivi britannici relativi al piano segreto e approvato dai più alti livelli degli Stati Uniti e nel Regno Unito nel 1957, perché i loro servizi segreti facessero  “rivivere falsi incidenti di frontiera come pretesto per un’invasione della Siria dai suoi vicini filo-occidentali”(The Guardian, 27.9.03). Questo piano, concepito molti anni prima che Assad diventasse Presidente della Siria (o anche prima di suo padre), è più o meno la stessa sceneggiatura di ciò che sta accadendo in Siria dal 2011, perché  “il piano prevede il finanziamento di un “Comitato siriano libero”’ e l’armamento di “fazioni politiche paramilitari” […] in Siria. La CIA e gli MI6 devono provocare sconvolgimenti interni “al fine di effettuare un “cambio di regime”, che secondo il piano del testo stesso, non sarebbe popolare e “probabilmente richiederà una fase iniziale di misure repressive e l’esercizio del potere arbitrario”. Sono le “democrazie occidentali” in tutto il loro splendore.

BE unisce la voce al coro dei propagandisti

I leader di BE non possono affermare di non sapere che per decenni l’imperialismo ha promosso eserciti terroristici controrivoluzionari per fare il lavoro sporco e per distruggere chiunque contrasti i loro piani per l’egemonia mondiale. Questo è stato il caso di Nicaragua, Angola, Mozambico, Afghanistan (come Z. Brzezinski ha confessato al Nouvel Observateur, 15.1.88). L’ex ministro degli Esteri britannico Robin Cook ha scritto: “Al Qaeda, che letteralmente significa ‘la base’, era in origine il file del computer contenente le migliaia di nomi di mujaheddin che sono stati reclutati e addestrati con l’aiuto della CIA per sconfiggere i russi “(The Guardian, 8.7.05). I leader di BE non possono sostenere di non sapere che la strategia di militarizzare le proteste della Siria, sin dal suo inizio nel 2011, è stata ufficialmente sponsorizzata, finanziata e armata dall’imperialismo, fino al punto di pagare i salari dei mercenari, non solo attraverso le dittature filo-imperialiste del Golfo (ABC o Times of Israel, 1.4.12), ma direttamente dagli Stati Uniti (New York Times, 18.9.14, o Reuters, 22.6.15). Non possono affermare di non essere a conoscenza delle notizie della stampa che hanno ulteriormente promosso la guerra contro la Siria, come questo titolo: “La verità ora viene dall’alto: come gli Stati Uniti hanno alimentato l’ascesa dell’ISIS in Siria e in  Iraq” (The Guardian, 3.6.15). Non possono affermare di non essere consapevoli dei piani imperialistici di distruggere il Medio Oriente al fine di assumere il controllo diretto delle loro enormi risorse.

I dirigenti della BE sanno tutto questo, ma invece di essere solidali con le vittime dell’imperialismo e contro  il tentativo di ricolonizzazione, si uniscono  al coro dei propagandisti delle guerre di rapina. Questa non è la prima volta e non  solo in Siria. Al contrario, è ormai diventato sistematico. Quando emergono le grandi campagne sui media, che lodano le operazioni  di aggressione dell’imperialismo, (specialmente le campagne europee), i leader della BE danno credito a queste campagne. In tal modo, aiutano a prevenire il movimento popolare per la pace e contro la guerra e coprono la natura stessa dell’imperialismo. È stato così nel 2011 con la Libia, con la BE che votava a favore della risoluzione del Parlamento europeo per spianare la strada alla guerra della NATO. E quindi in relazione al martirizzato Venezuela. Ed è anche così in relazione alla RPD della Corea del Nord, un paese che non ne ha mai attaccato un altro, ma che è sotto costante minaccia di una nuova guerra di sterminio da parte degli Stati Uniti, come nel 1950-53. Le vittime sono sempre presentate come carnefici. E i boia continuano indisturbati i loro crimini.

I favori si pagano con altri favori

È possibile che i leader di BE non conoscano i risultati di tutte queste guerre, aggressioni e  campagne mediatiche? È possibile che non vedano il vero disastro lasciato da 27 anni di guerre di aggressione a seguito della scomparsa dell’URSS? No, non è possibile. È un’opzione, non è ignoranza o sottovalutazione.
Perché i leader di BE insistono su questa strada? La risposta aiuta a chiarire un mistero apparentemente insondabile: quello di una forza che si presentava  nella sua origine come una forza di sinistra, e che oggi è autenticamente preda della comunicazione sociale del grande capitale. Particolarmente degno di nota è stato Público, un quotidiano fondato da uno dei più grandi capitalisti portoghesi, e per l’Expresso e la SIC, che fino a poco tempo fa è stato il  responsabile  portoghese del Bilderberg Club (con Balsemão che ha passato il turno a Durão Barroso, Público , 27.5.15).

Il capitalismo ha sempre cercato molteplici modi di canalizzare il malcontento sociale verso direzioni che non ne mettessero a rischio il potere. Storicamente, questo era il ruolo delle socialdemocrazie, che in particolare nei paesi capitalisti (vedi il caso inglese), hanno scambiato il loro sostegno alle guerre imperialiste con  le concessioni in campo sociale, permettendo loro di mantenere le loro basi di sostegno  per combattere le forze comuniste e le altre forze alternative al sistema capitalistico. Oggi viviamo tempi che screditano il capitalismo, i tempi di crisi e di feroce attacco ai diritti e alle condizioni di vita dei lavoratori e dei popoli, è inevitabile il malcontento popolare, la rivolta delle masse contro un sistema che offre loro solo miseria, disoccupazione, sfruttamento, guerra. In questo contesto, diventa ancora più urgente evitare che questo malcontento rafforzi un’alternativa reale al sistema.

Il capitalismo sa dove risiede questa alternativa. I leader della BE assicurano sia l’attacco “di sinistra” al PCP sia la “copertura di sinistra” delle campagne imperialiste. Questo è stato il caso, dalla politica internazionale all’ Europa. I favori si pagano con altri favori. Allo stesso tempo, il grande capitale sa che, quando arriverà il momento della verità, i leader della BE saranno dalla parte del sistema. L’esempio del governo Syriza in Grecia è in questo senso delucidativo. Il tradimento del governo di Syriza sulle aspirazioni del popolo greco (riaffermato nel referendum straordinario di luglio 2015) è completo:  oggi è portatore  non solo di più austerità, ma anche di una feroce e antipopolare  legislazione sul lavoro. I leader di BE, che nel 2015 erano appesi al collo di Tsipras, oggi fischiettano di lato. Ma la matrice ideologica e sociale è la stessa, e il comportamento nella situazione analoga non sarebbe prevedibilmente diverso. In questo senso, lo slogan della BE “left-of-trust” (sinistra di fiducia) sarà, dopo tutto, più veritiero di quanto si possa supporre. Manca solo “fiducia a chiunque”.

Enormi pericoli

Ciò che è più drammatico è che il comportamento dei leader della BE porta acqua al mulino del partito della guerra all’interno dell’imperialismo. Non viviamo oggi i decenni successivi alla seconda guerra mondiale, quando, sotto l’impatto della sconfitta del nazifascismo e il potere e il prestigio dei comunisti e le forze rivoluzionarie del mondo, il capitalismo è stato costretto a fare concessioni importanti per sostenere il proprio potere.

Oggi accetterà “cause di rottura” che non mettano in discussione il capitalismo (e potrebbero persino diventare nuove fonti di profitto). Ma la profonda crisi sistemica del capitalismo e le difficoltà che trova in essa, comprese le crescenti rivalità tra Stati Uniti e Unione Europea; le drammatiche conseguenze sociali (e ambientali) dello sfruttamento sfrenato e delle politiche di saccheggio,  lo scontento esplosivo e l’emergere di nuovi poteri economici,  che le vecchie potenze imperialiste rifiutano di accettare,  stanno portando il pianeta in una crisi di grandi proporzioni. Piani di guerra, già progettati per decenni (vedi l’intervista del generale Loureiro dos Santos al Daily News, 03/13/00), stanno diventando sempre più attraenti per una parte considerevole delle vecchie potenze imperialiste. Basta vedere la sfrenata  corsa agli armamenti, con gli annunci di enormi aumenti nei bilanci militari degli Stati Uniti, Francia, Germania, Spagna e altri stati, e la militarizzazione che ha annunciato la UE (CEP). O il recente numero di The Economist (27.1.18), dedicato a “The Next War”. (La prossima guerra).  Occorre rendersi conto degli enormi pericoli che l’umanità deve affrontare. Una vera forza di sinistra non può che voltare le spalle all’imperialismo e ai suoi piani di guerra, sostenendo coloro che resistono e si sforzano di creare un vasto fronte antimperialista e per la pace. La scelta dei leader di BE non è questa.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...