Perché il regime israeliano commette tanti crimini?

di  Ramón Pedregal Casanova* per http://www.rebelion.org

traduzione di Redazione Falcerossa

La Risoluzione 194 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dell’11 dicembre 1948, inizia ricordando il lavoro svolto dal  suo inviato in Palestina Folk Bernadotte che, come mediatore, ha seguito  l’occupazione sionista della maggior parte della Palestina e l’espulsione del popolo palestinese.

Il suo tentativo di mediazione fu la causa del suo assassinio da parte dei sionisti del gruppo terroristico Lehi, fondatore di Israele. Il crimine commesso dai sionisti uccidendo Folk Bernadotte evidenzia la politica di base di Israele  di appropriazione di  ciò che è straniero e la sua disposizione al crimine contro ogni persona che rappresenta la pace. La risoluzione 194, Articolo 1, dice che  “deve essere consentito ai rifugiati che desiderano tornare alle loro case di tornare  il prima possibile e di vivere in pace con i loro vicini, e devono essere risarciti  per la proprietà di coloro che decidono di non tornare e per tutti coloro che hanno avuto perdite o danneggiamenti, secondo i principi del diritto internazionale, le perdite o i danni devono essere ripagati dai governi o dalle autorità responsabili “.
Gli ultimi omicidi commessi da Israele il 30 marzo, sono stati commessi nel territorio di Gaza, dove vivono quasi 2 milioni di persone di cui il 70% sono rifugiati espulsi dai neocolonialisti israeliani, eseguito dopo essersi appropriato di  più di metà della Palestina, con il sostegno di quelle Nazioni Unite, così legate all’impero inglese, che aveva ceduto la Palestina come colonia.

Se le basi della politica israeliana e del suo pensiero sono stabilite nella ragione dell’omicidio di Folk Bernadotte, ciò che vediamo è che negli ultimi 70 anni, c’è un canale diretto fatto di crimini, che raggiunge il culmine  il 30 marzo 2018, il giorno in cui i mercenari sionisti, cecchini, carristi di frontiera dell’esercito e droni,  sparano sulla gente di Gaza che pacificamente si è concentrata per ricordare i 6 palestinesi che il 30 aprile 1976 sono stati uccisi, ancora, dalle truppe di occupazione sionista, nella repressione che avevano scatenato contro i dimostranti che protestavano nel mezzo di uno sciopero generale per il furto della loro terra.

Questa è la ragione per la quale il 30 aprile è stato dichiarato il Palestine Earth Day.

Nei giorni precedenti il ​​generale che ha guidato gli assassini sionisti ha minacciato la popolazione di Gaza dicendo: “Se necessario, risponderemo nel cuore di Gaza”; così ha messo in chiaro la sua intenzione di dare continuità ai crimini di tutta la sua storia. Incontrarsi pacificamente per denunciare la violazione della Risoluzione ONU n. 194 è così pericoloso per la dittatura di Israele che dimostra tutta la sua essenza criminale.

Di fronte alla criminalità sionista negli ultimi 70 anni, dov’è la protezione internazionale della giustizia per il popolo della Palestina? Una voce ardente all’interno dell’Autorità nazionale palestinese e al di fuori della Palestina, una  forza politica che rispetti i diritti dei popoli  di prendere l’iniziativa,  di riunire le voci separate,  e unirsi al grido di protesta  del popolo palestinese che va al macello? E’ un grande compito quello di raccogliere tutta la potenza necessaria affinché  gli assassini e i loro amici  imperialisti si allontanino, lasciando l’occupazione  neo coloniale, per tornare al tempo della decolonizzazione in Medio Oriente e  includere  la  Palestina.

La storia della dittatura di Israele è la storia di un’organizzazione finanziata dai grandi capitalisti per portare il terrore e l’apartheid in Palestina e, per estensione, anche l’intero Medio Oriente, fin dalla sua nascita non vi è stata alcuna pace, o è stata rinnovata seguendo il precedente colonialismo  di Inghilterra e Francia.

Anche  Venerdì 30, Giornata della Terra,  con la marcia del popolo palestinese per recuperare le proprie terre,  dopo il massacro commesso dai sionisti israeliani , il Centro Legale Adalah e il Centro Mezan per i diritti umani, hanno chiesto che gli israeliani responsabili degli omicidi vengano  consegnati alla giustizia, e questo obbligo, nella sua dimensione internazionale, è urgente e perentorio, perché gli atti di questi criminali, da La Nakba, causano migliaia di morti, dal momento in cui hanno ucciso Folk Bernadotte, attraversando il Giorno di la Terra del 1976, hanno commesso continui omicidi,  fino a questo venerdì, con 17 morti e 1.400 feriti. Questo è genocidio, e non va  in prescrizione.

 

*Ramón Pedregal Casanova, è l’autore dei libri: “Gaza 51 giorni”, “Palestina. Cronache di vita e resistenza, “” Dietario de Crisis “,” Belver Yin nella prospettiva di genere e Jesus Ferrero “e” Sette romanzi di memoria storica “. Possessi. ” Presidente dell’Associazione europea di cooperazione internazionale e studi sociali AMANE. Membro della Commissione europea per il sostegno ai prigionieri palestinesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...