Donne che hanno fatto la Storia: Rosa Parks

Il “no” di Rosa Parks ha cambiato  la storia dei diritti civili negli Usa e oggi noi in Italia ??? Stiamo tornando indietro, al Medioevo.

Ci stanno purtroppo  costringendo a vedere storie analoghe,  ma al contrario. E’ di questi giorni, l’ultima. Una ragazza di 19 anni  torturata e stuprata nei lager della Libia, dove rimane incinta, riesce a partorire la sua creatura, arriva in Italia con la bimba di 15 giorni e  in ospedale le partorienti la insultano perché straniera e quindi portatrice di malattie. Noi facciamo assemblee e cortei contro il capitalismo maschilista e patriarcale,  contro il governo sessista e razzista,  e poi incontriamo donne che ci fanno vergognare di appartenere allo stesso genere e siamo nel 2018, quando nel 1955  il 1 dicembre Rosa Parks……

Una sarta di colore di Montgomery, in Alabama, salì su un autobus per tornare a casa dal proprio lavoro e, non trovando altri posti liberi, si sedette dietro la fila riservata ai soli passeggeri bianchi.

In quegli anni, in diversi stati americani del sud era legalizzata la pratica della segregazione, ovvero la distinzione forzata tra bianchi e neri in numerosi ambiti della società. Esistevano cioè scuole, ristoranti e posti in autobus riservati ai soli bianchi.

Fu per questa ragione che quando un passeggero bianco salì sull’autobus sul quale viaggiava la sarta di Montgomery, in Alabama, alla donna venne chiesto di alzarsi e cedere il posto all’uomo. Rosa Parks rifiutò di alzarsi. Il conducente decise di fermare l’autobus e di chiamare la polizia, che arrestò Rosa Parks per condotta impropria e violazione delle norme cittadine.

La sera stessa alcuni esponenti della comunità afroamericana guidati dal pastore battista Martin Luther King – che non era ancora diventato l’icona del movimento per i diritti dei neri – dettero vita a una serie di proteste, e dal giorno seguente iniziarono il boicottaggio dei mezzi pubblici.

Nel 1956, un anno dopo il caso di Rosa Parks, una sentenza della Corte Suprema statunitense dichiarò incostituzionale la segregazione razziale nei mezzi pubblici, che fu quindi abolita. Nel 1964 il presidente Lyndon Johnson fece approvare il Civil Rights Act e il Voting Right Acts, ponendo definitivamente fine alla segregazione in tutti gli Stati Uniti.

Negli anni successivi, Rosa Parks, per via del suo gesto di disobbedienza civile, fu soprannominata The Mother of the Civil Rights Movement. L’autobus in cui Rosa Parks si rifiutò di cedere il posto, la vettura numero 2857, è considerato un simbolo della storia americana e, come tale, è conservato all’Henry Ford Museum di Deaborn, nello stato del Michigan.

Rosa Parks è morta nel 2005 a Detroit, all’età di 92 anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...