La violenza contro le donne è molto più che fisica o sessuale.

http://www.vermelho.org.br/

Il mondo celebra questa Giornata internazionale del 25 novembre per l’eliminazione della violenza contro le donne, quando una donna su tre sul pianeta subisce violenza fisica o sessuale.

di Duarte de la Rosa

Tuttavia, il termine “violenza contro le donne”, coniato dalle Nazioni Unite nel 1993, comprende molti tipi di aggressioni diverse da quelle fisiche, sessuali o psicologiche e ha anche a che fare con qualsiasi atto minaccioso, indipendentemente dal fatto che si verifichi in un ambiente pubblico o privato.  Molte donne nel mondo soffrono di violenza sul lavoro  e in politica come parte inalienabile della disuguaglianza di genere e della mancanza di pari diritti per donne e ragazze. Uno dei più alti tassi di violenza di genere nel mondo si trova nella regione del Pacifico, nel Medio Oriente e in Africa, dove lo stupro fisico  ha  un’incidenza più elevata, e la popolazione femminile non è protetta in termini di crescita economica, leadership politica e inclusione. Secondo il Rapporto annuale delle Nazioni Unite 2017-2018, le donne rimangono intrappolate in una rete di disuguaglianze che le mettono nella posizione peggiore per quanto riguarda il benessere e la protezione sociale. Le disparità di genere si intersecano anche con lacune in termini di istruzione, reddito e accesso ai servizi, nonché etnia, orientamento sessuale e posizione geografica. Inoltre, le donne, sia adulte che giovani, sono particolarmente vulnerabili nell’istruzione, il che impedisce loro di raggiungere una istruzione decente e avere quindi più opportunità di lavoro. Sono vittime anche di molestie, di  discriminazioni sul lavoro e di aggressioni psicologiche, in quanto le donne sono esposte a faticose ore di lavoro, salari bassi, in condizioni difficili che aumentano il rischio di violenza. I dati delle Nazioni Unite mostrano che una donna su dieci nell’Unione europea riferisce di cyberbullismo dall’età di 15 anni, che comprende e-mail indesiderate, sessualmente esplicite e offensive,  o SMS e/o tentativi inappropriati su social network offensivi, posizionati come il principale mezzo con cui viene esercitata questa violenza psicologica. Nel frattempo, uno studio condotto in 27 università degli Stati Uniti ha rivelato che il 23% degli studenti universitari è vittima di aggressioni sessuali o ha una cattiva condotta sessuale. Da parte sua, l’Africa è uno dei continenti più restrittivi in ​​termini di diritti delle donne e si stima che milioni di loro abbiano subito mutilazioni genitali femminili. Il continente africano è in cima alla classifica per  aborti meno sicuri al mondo, seguita da Oceania e America Latina, che conta migliaia di vittime  femminili ogni anno. Si ritiene che solo uno su quattro aborti sia eseguito in condizioni di sicurezza. Le donne delle Nazioni Unite attuano un piano di soccorso multinazionale per eliminare queste differenze di genere e istituire centri di consulenza per le vittime di violenza. Allo stesso modo, alcuni governi sviluppano piani di crescita economica per combattere la violenza contro le donne, come il Giappone, che, ad esempio, ha approvato il congedo di paternità per consentire lo sviluppo professionale delle madri. Tuttavia, tutte le azioni continuano a sembrare inutili quando, i dati delle Nazioni Unite confermano che il 71% delle vittime della tratta in tutto il mondo sono donne e ragazze, e una donna su due nel 2017 è stata uccisa dal proprio partner.

Un pensiero su “La violenza contro le donne è molto più che fisica o sessuale.

  1. Pingback: il compleanno del mio blog adolescente che morirà giovane – bortoblog 45 – cor-pus 15

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...