In tre anni, 3.200 donne sono state vittime del femminicidio in Brasile.

https://www.correiobraziliense.com.br/

di Cristiane Norberto

I dati compaiono nell’annuario brasiliano di pubblica sicurezza e tengono conto dei dati relativi al 2016, 2017 e 2018. La fine di una relazione o la mancata risposta all’amore di qualcuno ha provocato la morte di migliaia di donne negli ultimi anni. Secondo l’  Annuario, pubblicato dal Forum brasiliano di Pubblica Sicurezza , tra il 2016 e il 2018 ci sono stati più di 3.200 decessi nel paese. Inoltre, una stima del Consiglio nazionale di giustizia (CNJ) indica che, nello stesso periodo,  non sono stati segnalati più di 3.000 casi di femminicidio.

Il crimine è un omicidio qualificato, incluso nel Codice penale del 2015, che ha portato maggiore sicurezza legale  sia per le donne che per i membri della famiglia, e  coloro che commettono il femminicidio subiscono  sanzioni più severe. Eppure, il numero di decessi di questo tipo aumenta ogni anno.

“Il femminicidio è un tipo di crimine intenzionale, nel quale cioè esiste l’intenzione di uccidere. È l’omicidio di una donna per motivi di genere,  della sua condizione  femminile. L’autore del fatto è di solito una persona vicino alla vittima, non necessariamente ha una relazione amorevole, ma vuole dimostrare la propria superiorità rispetto alla donna “, spiega l’avvocato penalista David Metzker, socio di Metzker Advocacia.

L’ annuario brasiliano  mostra che, nell’anno successivo alla classificazione del crimine nel codice penale, c’erano 929 femminicidi nel paese. Nei due anni seguenti, nel 2017 e nel 2018, ci sono stati rispettivamente 1.075 e 1.206 casi.
La tendenza di crescita riguarda anche il 2019, un anno non ancora  incluso nell’analisi.
Secondo il Ministero della Giustizia e della Pubblica Sicurezza, fino ad agosto 2019, 2.357 donne sono state intenzionalmente uccise  (non necessariamente per femminicidio).
Metzker spiega che l’assassino risponderà per il crimine di femminicidio solo dopo l’accusa o la denuncia da parte del  Pubblico Ministero.
“Dopo che le indagini sono state avviate e indicano l’evidenza di un femminicidio, il delegato conclude se questa pratica è davvero avvenuta. Ma solo  la magistratura, che lo confermerà  con una sentenza, ne segnalerà la certezza ”, sottolinea.
Il reato è punibile con la reclusione da 12 a 30 anni e la pena può essere aumentata fino al 50%, se il reato è commesso su di una donna  incinta o fino a tre mesi dopo il parto, in presenza della famiglia della vittima o contro un minore 14 anni,  alla presenza di un familiare con oltre 60 anni o con disabilità.
Secondo Priscilla Maia Andrade, professoressa presso il Dipartimento dei Servizi sociali dell’Università di Brasilia (UnB), la questione riguarda la gerarchia, il patriarcato e, soprattutto, la disuguaglianza sociale.
Sottolinea come le debolezze della società producano sempre più persone violente.
“Ci sono una serie di fattori che influenzano una situazione di violenza, inclusa la situazione culturale.  La violenza finisce anche per essere un modo di comunicare, per così dire. Si tratta di come il patriarcato struttura il sistema all’interno della nostra società, sia in un contesto più ampio che in un contesto familiare ”, analizza.

Priscila spiega che avere leggi sulla protezione è un grande progresso di civiltà, perché il problema è riconosciuto. Tuttavia, la legislazione non serve se non esistono strumenti che ne consentano l’ attuazione. Da quando è stato sanzionato, il numero è sempre cresciuto. “Abbiamo bisogno di più agenti, ufficiali di polizia addestrati, un sistema giudiziario sensibilizzato e azioni di sostegno per le donne che subiscono un qualche tipo di violenza”, sottolinea.

L’esperta chiarisce che è necessario mobilitarsi nei settori della salute, dell’istruzione e dell’assistenza sociale, per consentire a queste donne di denunciare i loro carnefici, con la garanzia di poter avere una protezione efficace.
“Spesso, la semplice esistenza della legge non intimidisce gli aggressori e non motiva le vittime a sporgere denuncia”, sottolinea.
Pertanto, l’auto protezione è ancora la migliore via d’uscita.
L’avvocato Metzker sottolinea che le donne devono prendere alcune precauzioni relative agli abusi.
Indica anche l’uso del “pulsante anti panico”, un’applicazione per smartphone per attivare la polizia quando si trovano in una situazione vulnerabile.
“Gli abusi subiti non dovrebbero essere romanticizzati. È necessario riferire quando si verifica la violenza: fisica, morale e psicologica ”, avverte.
20191231191741973632a

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...