Determinazione e fiducia!

Intervista a Jerónimo de Sousa da

o militante 2

http://www.omilitante.pcp.pt/  di marzo aprile 2020

Una questione chiave è il rafforzamento del Partito, la sua organizzazione in un concetto integrato di intervento e iniziativa politica, che di per sé costituiscono gli strumenti indispensabili per lo sviluppo della lotta popolare di massa.

Il Partito ha lanciato la campagna “Valorizzare il lavoro e i lavoratori – No allo sfruttamento”. Quali sono i problemi fondamentali che questa campagna cerca di affrontare, in particolare alla luce di nuovi aspetti in termini di lavoro? Data la natura del Partito e del suo progetto, la valorizzazione del lavoro e dei lavoratori è parte integrante, direi anche, una condizione fondamentale per la rottura della politica di destra e, di conseguenza, la lotta contro lo sfruttamento, un asse essenziale della politica patriottica e di sinistra, perché combattiamo e proponiamo ai lavoratori e alle persone portoghesi.

Non sottovalutiamo l’esistenza di nuovi aspetti nel piano di lavoro, vale a dire il grado e la dimensione della precarietà, l’evoluzione tecnologica, gli strumenti di pressione ideologica volti a influenzare la coscienza politica, sociale ed elettorale dei lavoratori.

Ma ciò che la vita mostra è che lì nell’azienda, nei luoghi di lavoro, dove inizia e finisce il conflitto di classe, non solo si sviluppa la coscienza sociale, ma anche la lotta organizzata, sempre basata su situazioni concrete e aspirazioni concrete di lavoratori. Valutando le novità, tuttavia, è necessario vedere, ad esempio, le ragioni e i contenuti delle modifiche alla legislazione del lavoro ripristinate dal governo del PS, supportate da PSD e CDS.

Fondamentalmente, ci sono vecchie opzioni che mirano ad aumentare lo sfruttamento dei lavoratori, la pietra angolare della politica di destra.

Il PCP ha combattuto e ottenuto miglioramenti significativi per la vita dei lavoratori nel bilancio dello Stato e si è astenuto dal voto globale finale. Puoi riassumere gli argomenti principali a sostegno di questa posizione?

Non possiamo sopravvalutare i progressi compiuti, ma sarebbe un errore sottovalutarli. Prima di tutto, è necessario ricordare il fatto che esiste un governo PSD / CDS che, nel corso di quattro anni, ha scatenato una brutale offensiva sociale contro lavoratori, pensionate e pensionati, contro piccoli imprenditori, contro popolazioni, uomini e donne di cultura , della scienza, contro i servizi pubblici e che aveva un sacco di privatizzazioni nel suo portafoglio, l’attacco al SSN e alla previdenza sociale, la scuola pubblica, oltre alla revisione delle leggi elettorali, l’attacco alla giustizia e una revisione sovversiva della Costituzione della Repubblica che riappare attraverso le mani del PSD. Fu la prolungata lotta dei lavoratori e l’intervento del PCP che isolarono socialmente il governo e portarono alla sua sconfitta.

Siamo entrati in una nuova fase della vita politica nazionale con un governo di minoranza del PS, che non è cambiato ma le circostanze sono cambiate.

Con un ruolo preminente del PCP, è stato avviato un percorso per la sostituzione dei diritti, alcuni dei quali considerati ordinati. Valutazione di stipendi, pensioni e riforme, sostituzione dell’indennità natalizia, manuali scolastici gratuiti, riduzione delle spese di trasporto, possibilità di asili nido gratuiti, tra le altre dozzine di proposte approvate. Non viene fatta l’analisi di ciò che è stato avanzato ma anche di ciò che è stato evitato!

È la prova che sono stati compiuti progressi, ma anche l’osservazione che il governo del PS rimane legato alle imposizioni dell’Unione europea, agli interessi del capitale monopolistico e alle tracce della politica di destra. La nostra astensione dal voto, contrariamente a quanto avevamo fatto nei bilanci precedenti, è un segnale politico.

I risultati del Partito nelle elezioni per l’Assemblea della Repubblica del 6 ottobre sono stati il ​​pretesto per l’ennesima violenta campagna contro il PCP, anche cercando di minare la fiducia del collettivo del partito nell’orientamento politico del Partito e nella sua leadership. Nella riunione dell’8.10.2019, che ha valutato i risultati delle elezioni e delineato l’attività del Partito, il Comitato Centrale ha deciso di promuovere un ampio dibattito interno sulla situazione politica e sui compiti del PCP: come giudica questo dibattito?

La violenta campagna lanciata contro il Partito fu più che il solito anticomunismo. È stata un’operazione di lunga durata iniziata all’inizio del 2019 e continuata fino alle elezioni del Parlamento europeo tramite TVI, ma che ha un centro decisionale per i settori dei capitali.

La campagna di calunnia e menzogne ​​basata sul sospetto era diretta contro il Partito, la sua leadership e in particolare contro il Segretario generale e il capo della lista al Parlamento europeo.

Cercando di minare i principi etici del Partito, minare la fiducia dei militanti del Partito e degli amici del CDU, il danno è stato fatto con le conseguenze elettorali che ne sono derivate. Il dibattito che abbiamo avuto in tutto il Partito è stato importante, ripristinando la verità e la fiducia, definendo compiti, ad esempio la campagna dei 5.000 contatti, azioni e iniziative per valorizzare il lavoro e i lavoratori, il rinforzo organico nelle aziende e nei luoghi di lavoro.

Il solito impegno del PCP è nei confronti della classe lavoratrice, dei lavoratori, del popolo portoghese. Come consideri le persistenti operazioni di divertimento volte a condizionare l’azione del Partito, distanziandola dai suoi principi e presentandola in un processo di declino irreversibile?

Questo legame indissolubile tra il Partito e la classe operaia, i lavoratori e il popolo, il ruolo del Partito nell’avanzare contro il mainstream, porta inevitabilmente allo scontro e alla lotta ideologica con proclami sistematici del “declino irreversibile” del PCP. È una lotta ineguale, ma fintanto che il Partito mantiene il suo impegno nei confronti dei lavoratori e del popolo, ha più condizioni per resistere, intervenire, combattere, avanzare e affermarsi come una forza politica e sociale insostituibile.

Il PCP è sempre stato il “partito dell’unità”, alla ricerca di convergenze e alleanze, anche se limitate e contingenti, in ogni momento più favorevoli agli interessi e alle aspirazioni dei lavoratori e delle persone. Come vedi questo problema al momento?

Per necessità. Un percorso che deve essere continuato e ampliato, sullo sfondo della lotta per la realizzazione di una vera politica che sia un’alternativa alla politica di destra che in materia nucleare rimane nella governance del Paese. È nella realizzazione di questo obiettivo che il PCP usa le sue energie, lavorando per unire le varie classi e gli strati anti monopolio nella lotta, in un ampio fronte sociale, in alleanza, per le loro aspirazioni e diritti e nello sviluppo di convergenze, dialogo e azioni comuni che coprono l’ insieme di  settori dell’opinione democratica.

È alla confluenza dell’azione e dell’intervento convergente di tutte queste forze che emergerà la vera alternativa identificata con gli interessi generali dei lavoratori e gli strati anti monopolio: l’alternativa patriottica e di sinistra.

Oggi dobbiamo continuare a proiettare la nostra politica di unità e azione, senza sprecare alcuna opportunità e possibilità di convergenza sul piano politico per recuperare e conquistare diritti e garantire migliori condizioni di vita per i lavoratori.

Un percorso che ora è diventato molto più impegnativo, dal momento che il PS non solo rimane attaccato alle sue solite opzioni – le opzioni di presentazione all’Unione europea e gli interessi delle grandi imprese -, a seguito delle recenti elezioni che abbiamo oggi un quadro politico in cui è presente un governo meno condizionato e che gli ha permesso di rafforzare la resistenza a nuovi progressi e risultati.

Dopo le ultime elezioni legislative, nuove forze politiche sono arrivate all’Assemblea della Repubblica, che si presentano come una nuova realtà a destra e hanno un’enorme copertura mediatica. I tuoi obiettivi sono davvero “nuovi” ? Non vengono usati come pretesto per approfondire ulteriormente l’offensiva contro i lavoratori e il popolo e la sovversione del regime democratico?

È una realtà il cui primo delle parti interessate è il grande capitale, rafforzando il suo potere, il dominio e l’influenza nella società portoghese. Sia approfittando di un governo impegnato e sottomesso ai suoi interessi, sia sponsorizzando il riciclaggio di PSD e CDS, o promuovendo Chega e l’Iniziativa liberale per migliorare le concezioni reazionarie e antidemocratiche.

Le nuove forze politiche di cui parli sono, infatti, solo nuove nell’aspetto. La loro ideologia è antica quanto l’ideologia delle forze tradizionali di destra, lo stesso vale per i loro obiettivi. La novità è l’abbigliamento che li copre venduti come moderni e il quadro politico che li proietta. Un’immagine sempre più marcata sul piano planetario a causa dell’approfondimento della crisi nel sistema capitalista e della necessità per le classi dirigenti di nascondere le vere cause che sono all’origine dei problemi dei popoli e di nascondere  e deresponsabilizzare  le politiche che alimentano lo sfruttamento e l’impoverimento del popolo.

Questo è ciò che vediamo anche nel panorama portoghese. Se scartiamo il verbo e guardiamo i loro programmi e progetti, scopriamo che alla fine difendono ciò che essenzialmente difendono PSD e CDS. Ad esempio, nel progetto di sovversione della Costituzione, il chiaro attacco al Servizio sanitario nazionale, la natura generale e universale della sicurezza sociale, della giustizia, del lavoro e delle leggi elettorali.

L’intrattenimento politico e ideologico fa parte di questo processo, temi scelti per animare i pregiudizi anticomunisti dei potenti media che dominano e controllano.

Una caratterizzazione del quadro politico portoghese in cui il PS appare situato nel campo di sinistra sta diventando frequente, una classificazione che il PS stesso afferma con insistenza per sé mentre esegue politiche di destra. Il concetto di “sinistra” non viene utilizzato in modo improprio per ingannare l’elettorato, eludere la risposta necessaria a gravi problemi nazionali e rinviare l’affermazione di una vera alternativa politica e di una politica alternativa alla politica di destra?

È una prova che ciò che il PS rivendica per sé come una forza di sinistra ha solo un valore proclamatorio, non corrisponde alla sua pratica politica. Non corrispondeva ad esso nel passato più lontano quando promosse con le forze più reazionarie l’attacco a importanti conquiste di aprile, né in questi ultimi due o tre decenni, in cui l’assimilazione e l’incorporazione, nel suo discorso e nella sua pratica, divennero molto evidenti. slogan del programma neoliberista di privatizzazione, liberalizzazione, deregolamentazione economica e flessibilità del mercato con la conseguente precarietà e deregolamentazione delle condizioni di lavoro che il processo di integrazione capitalista nell’Unione europea ha assunto come proprio, approfondito e normalizzato a favore di un grande capitale economico e finanziario, né corrisponde attualmente al momento, dove l’essenza di questo programma continua a modellare le sue opzioni politiche. Ciò è evidente sia nelle convergenze che la PS promuove con il diritto di mantenere l’attuale quadro di presentazione di tali linee guida sia nei forti vincoli che ne derivano, vale a dire l’euro, e nel consenso promosso con la PSD e la CDS per mantenere gli interessi della grande capitale, ad esempio in termini di legislazione del lavoro.

I risultati positivi degli ultimi quattro anni possono contribuire a creare l’illusione che ci sia un cambiamento fondamentale nel suo orientamento, ma va ricordato che gran parte di ciò che è stato ottenuto è iniziato con il suo disaccordo, la sua resistenza e persino la sua opposizione. Ciò che è stato raggiunto non era nel suo programma elettorale e governativo e si è verificato per la semplice ragione che il PS e il suo governo non avevano le mani completamente libere per imporre la loro volontà.

Se non fosse per quello, il PS seguirà lo stesso corso di sempre che ha portato al discredito e al naufragio della socialdemocrazia europea.

Cosa ne pensi della dichiarazione ripetuta mille volte dal PS secondo cui è possibile rispondere ai problemi fondamentali nazionali, mantenendo e conciliando l’attuale quadro di vincoli imposti dall’Unione europea e dall’euro?

Per quanto affermano il PS e il suo governo, la realtà è lì per negarlo. Il paese continua ad affrontare seri problemi economici e sociali e i profondi deficit strutturali che sono all’origine della grande dipendenza del paese rimangono nella sua gravità. Parliamo del deficit produttivo, energetico, demografico, tra gli altri. Il dinamismo dell’economia e dell’occupazione visto negli ultimi tempi e con il quale intendono creare questa illusione sono essenzialmente il risultato delle misure di recupero dei diritti e dei redditi adottate nell’ultima legislatura, con il nostro contributo decisivo e l’espansione del turismo. L’evoluzione negativa della bilancia commerciale riflette questa realtà. Il debito pubblico rimane un onere molto pesante e la sua rinegoziazione è una necessità. I bassi livelli di investimenti pubblici condizionati dall’attuale situazione di vincoli si manifestano nei settori più diversi della vita nazionale, anche nel debole dinamismo dei settori produttivi e nella sostituzione e sviluppo delle infrastrutture del paese. I servizi pubblici sono in difficoltà con interruzioni e mancano migliaia di lavoratori e non è solo nel settore sanitario molto visibile. Un’intera situazione che smentisce questa affermazione e che evidenzia la necessità di un’altra politica per rispondere a questi gravi problemi che continuano: la politica patriottica e di sinistra che il PCP propone al paese. I servizi pubblici sono in difficoltà con interruzioni e mancano migliaia di lavoratori e non è solo molto visibile nel settore sanitario. Un’intera situazione che smentisce questa affermazione e che evidenzia la necessità di un’altra politica per rispondere a questi gravi problemi che continuano: la politica patriottica e di sinistra che il PCP propone al paese.

Come vedi le prospettive per l’evoluzione della pericolosa situazione internazionale?

Siamo di fronte a una violenta offensiva dell’imperialismo in cui i suoi settori più reazionari ricorrono sempre più alla guerra e al fascismo per mantenere il loro dominio. Ma questa offensiva non mostra forza, al contrario. È una reazione delle classi dominanti all’approfondimento delle contraddizioni del capitalismo e della sua crisi strutturale, al restringimento della sua base sociale di sostegno e ad un complesso processo di riorganizzazione delle forze caratterizzato dal relativo declino delle principali potenze imperialiste (dagli USA, ovviamente) e dal peso crescente di grandi paesi come la Repubblica popolare cinese.

E se guardiamo al mondo al di là delle cortine fumogene di disinformazione e manipolazione ideologica, ciò che vediamo sono espressioni crescenti di resistenza, protesta e lotta da parte di lavoratori e popoli contro lo sfruttamento e l’oppressione. Credo che, nonostante tutti i pericoli, sia corretto affermare che l’imperialismo non ha mani completamente libere per sviluppare la sua politica di dominio, sfruttamento e oppressione.

In altre parole, se è vero che la situazione è pericolosa, è anche vero che in un contesto di intensificazione della lotta di classe ci sono reali potenzialità per lo sviluppo della lotta per trasformazioni progressiste e rivoluzionarie e, per questo, l’insieme di forze che si oppongono all’offensiva imperialista, a partire dal movimento rivoluzionario comunista e internazionale, ha un ruolo fondamentale.

L’Unione europea, mentre attraversa una crisi che molti già considerano esistenziale, persiste nell’approfondimento del neoliberismo, del federalismo e del militarismo. Come vede il Partito la situazione attuale? E la politica del governo di minoranza di PS nei confronti dell’UE?

La crisi che attraversa il processo di integrazione capitalista (l’UE) – di cui l’uscita del Regno Unito è un’espressione importante – deriva dalla sua natura imperialista, dai suoi pilastri e dalle sue politiche. Quindi sì, è una crisi esistenziale e strutturale. E questa è una domanda fondamentale, poiché rimuove, fin dall’inizio, ogni illusione riguardo alle “riforme” e alle “democratizzazioni” da un processo che è per sua natura di dominio e non di cooperazione.

L’approfondimento del neoliberismo, del federalismo e del militarismo è, ancora una volta, la strada che il grande capitale e i poteri che guidano l’Unione Europea cercano di seguire per superare difficoltà e contraddizioni. A tal fine, rilanciano le illusioni e provano nuovi modi – come il cosiddetto “accordo verde” o la necessità di “affermare l’UE in un mondo diviso” – per tentare di rilanciare il processo.

Ma la persistenza su quella strada non farà che approfondire le contraddizioni e accentuerà solo i fenomeni che alimentano, ad esempio, la crescita dell’estrema destra.

In tale contesto, la difesa della sovranità nazionale e il rifiuto delle imposizioni dell’Unione europea rivestono un’importanza strategica per il Portogallo. Ora, in risposta alla seconda parte dell’interrogazione, il governo del PS è in sostanza una parte attiva delle manovre che mirano ad approfondire ulteriormente i pilastri dell’Unione europea. Anche se a volte esprime critiche occasionali, la realtà è che il PS, così come il PSD e il CDS, continuano a sostenere i meccanismi e le politiche che sono all’origine delle imposizioni e dei vincoli dell’Unione europea, vale a dire l’euro.

Non ritiene che la politica estera e nazionale di difesa del governo del PS costituisca un aspetto particolarmente grave della politica del governo del PS che in molti modi è in conflitto con la Costituzione stessa?

Credo che questa affermazione sia corretta. Sia a livello europeo che a livello più generale, la politica estera del governo è chiaramente contrassegnata da un allineamento con l’Unione europea, con la NATO e con la strategia militare e di guerra dell’Amministrazione americana. Quando è stata richiesta una vera politica estera sovrana, che difende la cooperazione e la pace, i diritti delle persone e il diritto internazionale, la politica del governo del PS ha avuto come chiave di volta una cieca sottomissione a strategie e politiche contrarie agli interessi nazionali e comunitari, come si può vedere, ad esempio, nella posizione del governo nei confronti del Venezuela, l’approfondimento del militarismo nell’Unione europea, il sostegno a una linea di confronto con la Federazione russa, o connivenza e persino sostegno alla linea di guerra e di aggressione in Medio Oriente guidata da Stati Uniti e Israele. Casi come il passaggio di Guaidó attraverso il Portogallo o l’incontro tra Pompeo e Netanyahu a Lisbona sono molto dimostrativi di questa tesi che di fatto è in conflitto con la Costituzione della Repubblica portoghese.

Il rafforzamento dell’organizzazione, a cominciare dal rafforzamento delle società e dei luoghi di lavoro, è un compito centrale del Partito. Come valuti il ​​risultato della campagna su 5000 contatti?

Alcune settimane prima della fine della campagna, è possibile affermare che siamo ben avviati per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. Si tratta di una campagna molto impegnativa per le organizzazioni del Partito in quanto vi sono altri compiti e iniziative in corso, vale a dire la campagna di valorizzazione del lavoro e dei lavoratori, senza dimenticare che inizieremo le fasi di preparazione del XXI Congresso e attraverso le iniziative per il novantesimo anniversario del Partito.

La riunione del Comitato centrale del 29 febbraio e 1 marzo ha approvato una risoluzione sull’assemblea del 21 ° Congresso PCP del 27, 28 e 29 novembre e ha definito le diverse fasi della sua preparazione e realizzazione. Come valuta il Congresso nel contesto dell’attuale situazione nazionale e internazionale?

Questo è un Congresso particolarmente importante, poiché sarà chiamato a fare una valutazione della situazione del Paese e delle prospettive per la sua evoluzione, dopo un periodo in cui è stato possibile fermare e invertire vari aspetti di una brutale offensiva contro gli interessi. i lavoratori e le persone che si sono accentuate dopo la crisi del capitalismo del 2007/8, ma non è stato possibile superare le linee guida strutturali nell’azione governativa dei governi del PS legate alla politica di destra. Ma è anche importante perché dovrà valutare e rispondere a una situazione internazionale caratterizzata da grande instabilità e incertezza e, come ho detto, per sviluppi seri e pericolosi che richiedono un dibattito approfondito per determinare e definire linee di solidarietà e cooperazione rafforzata delle forze sociali e politiche del progresso sociale e della pace, di fronte alla spirale aggressiva dell’imperialismo. Un Congresso che non può non fare il punto della situazione, dare una risposta e definire le linee guida per i problemi che hanno assunto una nuova dimensione, siano essi ambientali, quelli che ci mettono nel mondo delle comunicazioni elettroniche e dell’economia digitale e, in un quadro più generale, quelli dello sviluppo scientifico e tecnologico, tra gli altri. Un Congresso per preparare il necessario ed essenziale rafforzamento del Partito, la lotta di massa, la convergenza di Democratici e Patrioti e affermare l’alternativa.

Il PCP è un partito che si distingue da tutti gli altri, anche in termini di metodo e contenuto dei suoi Congressi: vuoi sottolineare alcuni aspetti?

Ci sono diversi aspetti che ci contraddistinguono. Innanzitutto, il modo in cui prepariamo ciascuno dei nostri Congressi, cercando di coinvolgere il Partito nella sua realizzazione. I nostri congressi sono preceduti da intensi e prolungati lavori preparatori. Ci sono migliaia di membri del Partito che di solito portano al dibattito, incentrati sulla discussione collettiva in riunioni e assemblee plenarie, le loro opinioni e proposte orali e scritte. Per questo motivo, a differenza di altri, i nostri Congressi e il XXI, come sarà anche, sono un punto di arrivo e una tabulazione finale di un ampio dibattito e anche un momento di responsabilità. Un processo a cui partecipano membri del Partito uguali in diritti e doveri in cui la definizione di orientamento politico è costruita da un’analisi approfondita della situazione e polarizzata nella ricerca delle migliori risposte del partito alla situazione politica e alla realtà e non sulla base di controversie personali o guerre di “personalità”, come vediamo in altre parti . Un processo in cui la costruzione di soluzioni di leadership deriva da un ampio esame collettivo di proposte, osservazioni, consultazioni con organi e organizzazioni e non da una scelta dettata dalla volontà di un singolo leader o leader di partito, secondo la tua cerchia di simpatie, ambizioni o interessi personali. In effetti, solo nel PCP esiste un periodo di consultazione iniziale come quello appena iniziato, a nove mesi dal Congresso. Solo nel PCP tutti i militanti hanno questa possibilità, oltre a eleggere delegati.

Come ben sappiamo “il Partito non si avvicina al Congresso”, al contrario, il successo del Congresso è inseparabile dallo sviluppo dell’intervento del partito e dalla lotta di massa. Vuoi commentare?

Senza trascurare il vasto lavoro preparatorio che deriva dalle fasi definite dal Comitato Centrale, in particolare il coinvolgimento e la partecipazione del maggior numero di militanti, la vita non finisce e non possiamo lavorare a pezzi. Dobbiamo preparare e tenere in corso il Congresso, rispondere ai problemi quotidiani, lo sviluppo delle lotte, il rafforzamento del Partito nelle sue varie espressioni e orientamenti. Finisco come ho iniziato. Con fiducia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...