Una fotografia può ancora cambiare la storia?

di Alberto César Araújo per Amazoniareal.com.br

La fotografia più iconica prodotta da un fotoreporter in Amazzonia nella storia recente è senza dubbio quella di Luiz Vasconcelos (n. 1951), pubblicata il 10 marzo 2008 sul quotidiano A Crítica , a Manaus. L’immagine mostra l’assalto della truppa  della polizia militare di Amazonas a una donna indigena che, oltre ad essere incinta, portava in grembo l’altro suo bambino, durante un recupero di terra nel nord di Manaus. Vasconcelos ha persino ricevuto un encomio di merito al merito da parte dell’Assemblea legislativa statale e numerosi premi, tra cui il più prestigioso fotogiornalismo mondiale, la World Press Photo. Il fotogramma ha fatto il giro del mondo, rivelando il processo di violenza contro gli indigeni.

Immagine 01 – Bonifica dei terreni a Lagoa Azul a Manaus. (Foto di Luiz Vasconcelos / A Crítica-10-03-2008)

LUIZ-VASCONCELOS1

Ma una singola foto può ancora causare un cambiamento nella storia? Esteticamente, la fotografia di Vasconcelos appartiene a una squadra selezionata di produzioni iconiche, come la fotografia propagata del bambino vietnamita, scattata nel 1973 da Nick Ut (n. 1938), dell’Associated Press. Per molti, l’immagine catturata da Nick è stato uno dei fattori che ha sancito la fine della guerra del Vietnam. Il pensatore portoghese Boaventura de Sousa Santos (n. 1940) ha creato il concetto di “immagini destabilizzanti”, basato su un dipinto di Paul Klee, nel suo articolo A Queda do Angelus Novus. Alcune immagini diventano così sorprendenti perché consentono un potente interrogatorio nella società. Oltre a ciò, sono in grado di salvare la capacità di stupore e indignazione che le idee hanno perso, traducendole in non conformità e ribellione, e alla fine destabilizzano il buon senso nella ricerca dell’emancipazione. Sono in grado di sfidare il passato e combinare emozioni e passioni.

Diverse fotografie possono essere inquadrate in questo concetto di “destabilizzazione”. Durante l’evoluzione dei mass media, sono state anche girate alcune immagini. Ma perché le fotografie stanno diventando icone di un momento? Solo per ricordare, è stata anche girata l’immagine della Seconda Guerra Mondiale, fotografata da Cartier Bresson (1908-2004), in cui una donna è accusata di aver collaborato con i nazisti, così come la foto “The Tank Man”, in Plaza della pace celeste in Cina. Luiz Vasconcelos ha anche “gareggiato”, con altri fotografi, ricercatori e professionisti della televisione, per la registrazione delle brutali scene di recupero, ma solo la sua immagine ha fatto la storia.

Quel marzo 2008, l’immagine di Lagoa Azul, un distretto di Manaus, ha avuto ripercussioni internazionali. Parte è dovuta alla distribuzione, su scala nazionale, da parte dell’Agenzia statale e internazionale delle agenzie Associated Press, Reuters e Zuma. A quel tempo, i social network non erano così popolari o rilevanti come lo sono oggi. La condivisione di tale immagine, se eseguita sui social network, potrebbe portarla ad altri livelli di iconicità?

Il fotografo Fred Ritchin, decano dell’International Center of Photography di New York, rischia di dire di no. “Nell’ambiente dei media di oggi, le fotografie sono estremamente abbondanti, non filtrate, spesso fuori contesto e gratuite. Si crea una situazione in cui una singola fotografia non emerge quasi mai come emblematica di una domanda e come punto focale per un dibattito ”, osserva in un articolo pubblicato sulla rivista elettronica Witness, della World Press Photo Foundation. Richtin aggiunge che le organizzazioni dei media hanno perso credibilità e che la manipolazione digitale e l’editing delle scene minano anche le credenze delle persone per ciò che vedono.

La scena drammatica della madre indigena incinta che porta in braccio un bambino e affronta i dialoghi del primo pomeriggio con altre immagini iconiche e destabilizzanti. [Immagini 02, 03 e 04].

Image 02 – Foto di Oded Balilty – Sfratto dell’insediamento ebraico nella Striscia di Gaza

suau

Immagine 03 – foto di Anthony Suau –  Protesta in Corea del Sud, 2006.

marc-riboud

Immagine 04 – Foto di Marc Riboud – Vietnam

In comune, vanno oltre il prezioso ruolo degli agenti dei palesi sociali di occupare la posizione fondamentale degli interpreti degli eventi. La fotografia di Luiz Vasconcelos rientra in due categorie che lo storico inglese Geoff Dyer elenca: quella di un bambino nei momenti tragici, quella del limite e quella del confronto ineguale tra forze antagoniste. Nella prima modalità, possiamo fare un’analogia con diverse immagini iconiche in cui il bambino è rappresentato come oggetto di una tragedia umana: la suddetta foto di Nick Ut in Vietnam, la fotografia del bambino che sta per essere “divorata” da un avvoltoio in Africa, di Kevin Carter e, più recentemente, quello del ragazzo siriano Aylan Kurdi, che ha salvato il suo corpo su una spiaggia, in un record unico e straordinario del fotografo turco Nilüfer Demir.

Andando oltre, la fotografia di Vasconcelos ci riporta all’immagine classica della Madonna, nelle sue rappresentazioni più varie, a partire da Da Vinci (1483), passando per Raphael Sanzio (1504), fino ad arrivare alla fotografia e al fotogiornalismo iconico, di immagini come “Madonna Bentalha”, del fotoreporter algerino Hocine Zaourar (1952). Questa fotografia, in cui una madre algerina sostiene sua figlia alla porta di un ospedale, ha vinto la World Press Photo nel 1997 .

Il fotografo Luiz Vasconcelos, al momento della registrazione, ha avuto la sua carriera professionale incoronata con numerosi riconoscimenti e otto premi nazionali e internazionali. Ha donato parte degli importi ricevuti per i premi per le missioni evangeliche che lavorano in Amazzonia con gli indigeni. La forza dell’immagine era così grande che ha reso l’allora governatore Eduardo Braga, che il giorno della pubblicazione della foto ha partecipato a un incontro internazionale in Europa per discutere di deforestazione e REDD, rilasciare un indennizzo di 800 mila reais alle vittime indigene di questa aggressione durante lo sfratto. Al suo ritorno a Manaus, Braga ha anche annunciato misure per la creazione di Seind, Segretario di Stato per le popolazioni indigene, nel luglio 2009.

Valda Ferreira de Souza, indigena Sateré-Mawé, aveva 22 anni nel 2008, quando è stata avvistata in un atto eroico dal fotografo Luiz Vasconcelos a Lagoa Azul. In testimonianza al ricercatore Glademir Sales dos Santos, dottore in Società e Cultura nell’Amazzonia dell’Università Federale delle Amazzoni (UFAM), ha dichiarato che la polizia è arrivata attaccando, dicendo che “non eravamo indiani”, “eravamo già civilizzati”, ” era un invasore ”. “Oggi, quando guardo quelle foto, mi dà tristezza e rimorso per averlo fatto a mio figlio. Non pensavo nemmeno a me stesso, se ero incinta, in attesa di un bambino “, ha detto. A quel tempo, la National Indian Foundation (Funai) arrivò al punto di affermare che gli indigeni erano stati usati come scudi da accaparratori di terre e senzatetto, come riportato dalla giornalista Kátia Brasil, all’epoca a Folha de S.Pauloe oggi co-fondatore dell’agenzia Amazônia Real .

Per Glademir Sales dos Santos, in una tesi di dottorato difesa nel dicembre 2016, il processo di violenza contro gli indigeni nelle occupazioni della terra è solo peggiorato da allora, ed è direttamente collegato al sistema di proprietà privata che sta alla base del latifondo, in mezzo a una rete di relazioni di forze di ordine legale, economico e politico che avvantaggiano solo le élite.

Dopo questo episodio a Lagoa Azul nel 2008, altre occupazioni hanno subito violenza uguale o maggiore da parte delle forze di polizia. Nel 2009, al Parque São Pedro (in Avenida Torquato Tapajós); tre anni dopo, sull’Estrada Manoel Urbano, a Iranduba; nel 2015, nel quartiere di Nações Indígenas e Parque das Tribos (entrambi a Tarumã); e nell’occupazione di Paxiubau (a Santa Etelvina), il 7 ottobre 2015, quando un indigeno è stato ucciso dalla polizia.

Testimoni dell’omicidio di Anderson Rodrigues de Souza, tra cui sua moglie, Digliane Almeida Gomes, accusano un ufficiale di polizia civile di Amazonas, identificato come “Paulo”, come il presunto autore del colpo d’occhio (e non il capo della polizia riferito) che uccise le mura indigene, durante l’Operazione Blackout, della polizia civile dell’Amazzonia. Il crimine è avvenuto all’interno dell’occupazione della Riserva indigena di Paxiubau, nel quartiere di Santa Etelvina, anche a nord di Manaus, davanti agli occhi di bambini, donne incinte e anziani. Secondo la polizia civile, il caso è indagato dall’unità investigativa sui reati penali, che indaga sui crimini che coinvolgono agenti di polizia. Ad oggi, nessuno è stato arrestato.

Dalla foto di Luiz Vasconcelos, molte cose sono cambiate, sia per l’autore dell’immagine che per alcuni dei personaggi, che hanno lasciato l’anonimato alle spalle. Ma la violenza del Primo Ministro in simili azioni di riacquisto della terra è solo aumentata. Ed è stato premiato. Non è stata intrapresa alcuna azione contro la polizia attaccante, sebbene seguendo le immagini di quel 10 marzo 2008, è stato sorpreso a colpire più indigeni. L’ufficiale militare che comandò l’operazione di sfratto, poi il Capitano Rossi, continua la sua ascesa nel grado di ufficiale del Primo Ministro dell’Amazzonia. Nel 2018 è stato tenente colonnello.

Né l’immagine iconica ha cambiato il modo in cui la stampa tradizionale e locale considera gli indigeni, spesso descritti come invasori nei loro titoli. Lo stereotipo prevale in cui l’indigeno è ancora rappresentato, a volte come qualcosa di esotico, una visione ereditata dal 19 ° secolo, e talvolta come strumento per la costruzione dell’immaginazione nazionale. La rivista O Cruzeiro , negli anni ’50, fece confondere i confini tra etnografico e nazionale per servire l’ideologia egemonica dell’era (Getúlio) Vargas. Fernando Tacca, nell’articolo The Indian in Brazilian Photography , dal 2011, mostra che a queste due visioni si aggiunge una terza, in cui “la fotografia etnografica trova nel campo dell’arte un posto per l’elevazione dell’immagine fotografica come illusione speculare verso il mago” .

Una nuova rappresentazione è emersa negli ultimi tempi, con enfasi sulla produzione fatta dagli stessi indigeni, in progetti come Vídeo nas Aldeias, un’organizzazione non governativa creata dal regista e indigenista francese Vincent Carelli. Sono gli indiani che ora vogliono rivelare la loro cultura al mondo. Nel 1994, durante una conferenza alla Biennale della fotografia di Curitiba, il celebre fotografo brasiliano Sebastião Salgado ha sollevato un problema che, all’epoca, ha suscitato un grande dibattito. “Il tempo del momento decisivo è finito, ora ciò che conta è una storia ben raccontata, con una narrazione continua, a lungo o medio termine. Questa volta è passato e vi è rimasto con Cartier Bresson. ” Quel giorno Salgado “uccise” Bresson senza sparare.

Indipendentemente da chi ha ragione, Vasconcelos ha prodotto un flagrante che è anche una “storia ben raccontata”. In quasi 11 anni dopo che l’immagine è stata scattata, c’è stata la divulgazione e persino la banalizzazione della fotografia da parte dell’era digitale, la profusione di selfie nella società e una miriade crescente di immagini realizzate da non professionisti che stanno sostituendo quelle sfacciate fatte dai fotoreporter, tra cui occupare spazi nella stampa e ridefinire il ruolo del professionista di oggi.

Nel caso della fotografia di Luiz Vasconcelos, possiamo fare un’analogia con il pensiero di Boaventura secondo cui, nella fase attuale della società, “il diritto alla proprietà individuale supera tutti gli altri”. L’aggressore, il Primo Ministro, è un rappresentante della regolamentazione da parte dello Stato. Quando difende il diritto alla proprietà individuale, lo fa per difendere una classe dominante (un uomo d’affari sarebbe il presunto proprietario della terra), a scapito di un diritto universale e collettivo (del diritto alla terra degli indigeni), attaccando in modo più vile e codardo , davvero barbaro, una donna e due bambini. L’atto non rispetta i diritti e la cultura ancestrale di coloro che erano già qui. L’aggressività ci riporta a un passato grottesco, a un codice barocco che ci perseguita, ci sciocca e ci fa reagire in qualche modo.

Nella fotografia, o anche nel fotogiornalismo, esiste un contratto sociale implicito tra fotografo, fotografo e lettore, consumatore di immagini, che è il tentativo di cambiare situazioni estreme, che siano povertà, violenza o che influiscono sulla dignità umana. Quali sono, quindi, i problemi che complicano questo contratto sociale, in cui la testimonianza fotografica potrebbe essere, sebbene certamente non sempre, invocata come stimolo all’azione?

Potrebbe essere che la frammentazione causata da miliardi di fotografie, caricate online quotidianamente, rappresenti il ​​mondo come una raccolta di disparati rettangoli bidimensionali unici realizzati in pochi secondi, il che ha reso più difficile posizionare le immagini e gli eventi a cui sono destinati intendi qualcosa in un universo di causa ed effetto?

Potrebbe essere che le frequenti controversie relative alla manipolazione delle fotografie tramite software e allo svolgimento di eventi abbiano contribuito alla diminuzione della posizione del mezzo fotografico come referente sociale? I brevi video e le loro narrazioni più esplicite sono percepiti come più credibili e, di conseguenza, suscitano maggiore preoccupazione, soprattutto quando emergono da una società in cui è possibile il ricorso legale?

L’immagine di Luiz Vasconcelos seguirà la sua storicità, comunicando con molte delle immagini destabilizzanti presentate qui. Se ha cambiato il corso della storia, il tempo ci dirà. Ma alcune storie personali sono state senza dubbio cambiate. In questi dieci anni del suo premio nella prestigiosa World Press Photo, i cimeli di questa immagine e il suo rapporto nella storia del fotogiornalismo sono molto importanti e necessari, poiché l’Amazzonia torna all’agenda mondiale.

Quest’anno, il Sinodo della Chiesa cattolica abbraccerà il tema dell’Amazzonia, esattamente nel momento in cui il governo di Jair Bolsonaro investe sui diritti degli indigeni, con un’affinità di programmi con minatori e agroalimentari, mettendo sotto controllo l’ambiente e la sua protezione come “Un ritardo allo sviluppo del Paese”, che ha già risvegliato una ripercussione negativa sulla stampa internazionale. E questo film, che abbiamo vissuto durante il periodo della dittatura militare, l’abbiamo già visto.

La foto che apre questo articolo mostra Valda Ferreira de Souza, indigena Sateré-Mawé, che tenta di contenere un’operazione militare per sgombrare la terra a Lagoa Azul, a Manaus. (Foto: Luiz Vasconcelos / A Crítica-10-03-2008)

Alberto César Araújo è un editor fotografico per l’agenzia Amazônia Real e autore della rubrica di fotografia “Olha Já!”. Giornalista laureato presso Uninorte / Laureate a Manaus, è attualmente studente del Master in PPGLA presso la State University of Amazonas (UEA), con il progetto di ricerca sul fotografo tedesco Albert Frisch. Lavorando nella professione dal 1991, il suo lavoro si concentra sulla vita nei fiumi e nelle comunità in Amazzonia, su questioni ambientali legate alla deforestazione, agli incendi, alla siccità e alle inondazioni. Ha lavorato sui giornali A Crítica, Diário do Amazonas ed Em Tempo. Ha pubblicato foto sui media nazionali e internazionali. In Amazzonia, ha documentato progetti socio-ambientali di varie organizzazioni come il WWF e Greenpeace Brasil. Tra i premi vinti ci sono Dom Helder Câmara (2000), Esso de Fotografia (2001), Sebrae (2004), FAPEAM (2011), HSBC (2012),

Un pensiero su “Una fotografia può ancora cambiare la storia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...