Cosa hanno in comune Stati Uniti, Bolsonaro e FMI?

di Diego Nogueira*   per http://www.vermelho.org.br

 

Traduzione di Marica Guazzora

Con sede a Washigton, negli Stati Uniti, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) è l’organismo che consente il funzionamento del sistema capitalista, secondo gli interessi delle potenze imperialiste, in tutto il mondo. 

 

Il fondo fu creato nel 1944 con lo scopo iniziale di ricostruire i paesi dopo la seconda guerra mondiale (1939-1945). Tra le principali linee di intervento c’erano la promozione della cooperazione monetaria internazionale, la stabilità finanziaria, la crescita economica, la creazione di posti di lavoro e la riduzione della povertà. Tuttavia, la vera funzione del FMI è stata quella di impedire alle crisi economiche dei diversi paesi del mondo di mettere in pericolo il business delle grandi compagnie imperialiste. I paesi che compongono il sistema economico capitalista sono in varie fasi di sviluppo: possono essere classificati in  paesi sviluppati con una forte industria e con grandi multinazionali, paesi semi-sviluppati e dipendenti e paesi semi-coloniali.

Il FMI consente l’estrazione di risorse e ricchezze dai paesi dipendenti prendendo in prestito ingenti somme di denaro che superano le condizioni finanziarie dei paesi debitori. In questo modo, il  richiedente  – che è sempre un paese  del terzo mondo – è costretto dalle circostanze ad acquisire un nuovo prestito per il rifinanziamento del debito, generando un rapporto di dipendenza con il fondo.

Nel periodo delle dittature militari, a partire dagli anni ’70, il FMI iniziò a prestare prestiti ai paesi dell’America Latina in modo che potessero rifinanziare i loro debiti esterni e i lavori di costruzione. Questo processo ha generato un circolo  vizioso di crescita del debito.

Nei decenni successivi, i paesi latinoamericani dovettero ricorrere a prestiti di emergenza in cambio di piani di aggiustamento. I piani consistevano nell’impegno per la politica di privatizzazione delle loro  imprese statali e nella sottomissione all’apertura del libero commercio, al consumo di prodotti del primo mondo, provocando, infine, una terribile disoccupazione e precarietà di servizi pubblici come sicurezza, istruzione, salute, ecc. Durante gli anni ’90, il FMI ha spronato le politiche neo liberiste, aggravando ulteriormente questo quadro  brutale  del debito in America Latina. Questo processo ha generato enorme povertà in paesi come Argentina, Brasile, Bolivia, Ecuador e Venezuela. In tutti questi paesi  hanno vinto i progetti neoliberisti.

Dopo i fallimenti provocati in America Latina e la crisi economica nel 2008, la FMI ha cambiato la sua immagine.  Ha assunto una donna come presidente, raccolto fondi per i suoi prestiti e rinnovato il marketing dell’istituzione. Il nuovo corso consisteva nella difesa dei più poveri. In pratica, lo sforzo di cambiamento dell’immagine da parte del FMI non era altro che un trucco. Le politiche seguite con l’affermazione che è necessario concedere maggiore flessibilità al mercato del lavoro, l’approfondimento delle riforme del lavoro e l’attacco ai sindacati, dimostrano che il debito è un meccanismo di dominio delle potenze imperialiste.

L’attuale crisi in cui versa l’Argentina è il risultato della politica economica applicata dal governo Macri, adattata agli interessi degli Stati Uniti attraverso il Fondo monetario internazionale. In questi giorni il paese stava affrontando scioperi dei trasporti pubblici e la paralisi degli aeroporti Gli organizzatori delle proteste stimano che almeno un milione di lavoratori hanno aderito allo sciopero con un unico ordine del giorno: “No al FMI”.
Il prestito è valido per tre anni e, in cambio, l’Argentina si impegna a ridurre il suo deficit fiscale a zero entro il 2020, deficit che lo scorso anno era pari al 3,9% del PIL. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario interrompere i lavori pubblici, ridurre le dimensioni dello Stato e limitare i trasferimenti alle province. Ciò significa ancora una volta la precarietà dei servizi pubblici e la non  garanzia dei diritti sociali con l’obiettivo di eliminare un debito esterno creato da una politica governativa retrograda e allineata agli interessi dell’impero.  Chi andrà a sopperire alle mancanze dello Stato sono società private straniere, vendendo i loro piani sanitari, privatizzando,  creando scuole e università private e infine privatizzando  i  beni di prima necessità della popolazione.

Tutto fa pensare che vedremo applicate  in Brasile le stesse ricette del governo Macri. Ci sono già dimostrazioni di sottomissione agli Stati Uniti, come nel caso della dichiarazione di Bolsonaro di trasferire l’ambasciata brasiliana da Tel Aviv a Gerusalemme. Questa affermazione ha già avuto effetti commerciali negativi con la minaccia delle rappresaglie dei paesi arabi per il commercio di prodotti brasiliani. Un’altra prova fortemente significativa  è il distanziamento del Brasile dai partner commerciali  del Mercosur e della Cina.

Con la  dittatura militare  era cresciuto  l’indebitamento estero del Brasile. I debiti nazionali con il FMI ammontavano a 3 milioni di dollari USA ,nel momento in cui i primi militari si insediarono al potere,  e raggiunsero un valore di 95,856 milioni di dollari nel 1985. Di conseguenza, la dittatura fece crescere l’economia, specialmente negli anni del governo di Geisel ( 1974-1979).

Il Brasile è uscito dagli anni ’80 come una potenza, ma in crisi. Ciò significa che il debito era in dollari e chi controllava  quella valuta non era il Brasile. Con la valuta nazionale debole, il debito aumentava sempre di più. Questo ciclo si è concluso  con Lula pagando il debito totale al FMI e lasciando una riserva di circa mezzo trilione di dollari.
Cosa faremo con questa riserva nel nuovo governo? Bolsonaro farà il sogno della classe media con la ” Bolsa Miami ”, cioè valuterà il reale, sarà più economico viaggiare a Miami che a Bahia. La spesa in Brasile sarà più costosa, cioè il nuovo presidente romperà l’industria nazionale, svuotando la nostra riserva e squilibrando la bilancia commerciale. Recentemente, Bolsonaro ha annunciato che non tasserà i prodotti importati, il che ha portato gli industriali brasiliani a uno stato di allerta.

Se lo scenario internazionale continua con la tendenza attuale, Bolsonaro chiuderà il ciclo di otto anni con tranquillità. Può ridurre le nostre riserve per generare occupazione con le multinazionali, mentre demolisce anche le compagnie statali e aumenta le società private del primo mondo in Brasile. Se questa ipotesi sarà confermata sarà l’industria nazionale a perdere di più.
Secondo il discorso di Paulo Guedes, la priorità non è il Mercosur. Non daremo la priorità alle importazioni e, di conseguenza, avremo meno occupazione nell’industria brasiliana.
Tuttavia, abbiamo molta instabilità nel percorso a causa della geopolitica, che non è più omogenea ed è comandata dagli Stati Uniti. Oggi abbiamo una guerra commerciale globale contro la Russia e la Cina, portata dagli Stati Uniti.

Pertanto, anche Bolsonaro torna in molti discorsi contro i comunisti cinesi, dal momento che qualsiasi interruzione commerciale con la Cina può culminare in un blip commerciale. Questa prosperità non servirà in alcun modo a sviluppare e diversificare il paese. Al contrario, servirà solo ad accentuare le sue deformazioni strutturali, poiché questo processo non ci porterà a riscoprire la via d’uscita dalla crisi.

Come disse Bolivar in una certa profezia, “gli Stati Uniti sono  destinati dalla divina provvidenza a riempire l’America di miserie in nome della libertà”.

Non sarà la General Motors e nemmeno  la Apple che ci faranno la gentilezza di farci risorgere  come nazione sovrana e indipendente.

* Diego Nogueira è uno storico e membro del consiglio di amministrazione di Cebrapaz (Centro brasiliano per la solidarietà con i popoli e lotta per la pace) a San Paolo.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...