“Si revochino le sanzioni illegali”

Appello di Cina, Russia, Cuba, Venezuela, Nicaragua, RPD di Corea, Siria e Iran al Segretario Generale dell’ONU

di Mauro Gemma per Marx21.it

I rappresentanti permanenti presso le Nazioni Unite di Cina, Russia, Cuba, Venezuela, Nicaragua, RPD di Corea, Siria e Iran si sono appellati congiuntamente al Segretario Generale dell’ONU António Guterres chiedendo la “revoca totale e immediata” delle misure unilaterali coercitive a loro imposte dallo schieramento imperialista (USA/UE/NATO).

Nella lettera si afferma che tali misure “sono illegali e violano palesemente il diritto internazionale e la Carta. delle Nazioni Unite ”. Nel loro insieme le sanzioni imperialiste colpiscono un terzo degli abitanti dell’intero pianeta.

I firmatari della missiva, datata 25 marzo, fanno riferimento al contesto creatosi in seguito alla crisi scatenata dal propagarsi della pandemia del Coronavirus in tutto il mondo: “Seguiamo tutti da vicino gli eventi relativi al COVID-19, la sua rapida diffusione e il gran numero di vittime umane che ha causato finora, così come le sue ripercussioni nei paesi colpiti, in particolare tra i settori più vulnerabili della società. Questa è senza dubbio la più grande emergenza per la salute pubblica del nostro tempo, che, nonostante si verifichi quando il multilateralismo è sotto attacco, offre un’opportunità unica al multilateralismo e al suo rafforzamento in questo momento di crisi globale e incertezza ».

I rappresentanti dei paesi sottoscrittori ricordano che i loro governi “hanno agito responsabilmente, anche adottando le misure precauzionali necessarie per contenere la diffusione e per combattere il COVID-19”, e hanno approntato “piani di emergenza per garantire il funzionamento dei servizi di base e dei sistemi di risposta alle emergenze nella situazione attuale » e che stanno lavorando e per rafforzare i programmi di cooperazione con l’ONU , nonché con altri partner “allo scopo di trarre insegnamenti dalle loro esperienze, condividendo le pratiche più efficaci».

Questi paesi riconoscono che c’è ancora molto da fare perché la battaglia abbia successo: “Oggi abbiamo un nemico comune: il COVID-19. Ed è tempo di prepararsi, procedere e aumentare gli sforzi. I nostri governi hanno la volontà politica e morale di muoversi in questa direzione; i nostri medici e i professionisti dei nostri sistemi sanitari sono pienamente in grado di rispondere in questo momento a tutte le necessità; e i nostri popoli sono pronti a fare la loro parte, poiché sappiamo tutti che questo momento storico richiede il massimo livello di solidarietà, cooperazione e collaborazione reciproca. Tuttavia, dobbiamo riconoscere che si tratta di un’azione difficile, se non impossibile, per i paesi che devono far fronte all’applicazione di misure unilaterali coercitive, che sono illegali e violano palesemente il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite ».

La lettera sottolinea “l’impatto distruttivo di tali misure a livello nazionale, che, insieme alle sue implicazioni extraterritoriali, ostacola, tra le altre cose, la capacità dei governi di accedere regolarmente al sistema finanziario internazionale e al libero scambio. In tal modo vengono minati gli sforzi compiuti dai governi per attaccare il COVID-19, in particolare per quanto riguarda l’acquisizione efficace e tempestiva di attrezzature e forniture mediche, comprese le apparecchiature e i medicinali, che sono vitali per il trattamento dei pazienti, come recentemente è stato riconosciuto dal Direttore Generale dell’OMS. Inoltre, le sanzioni hanno anche un effetto negativo diretto anche sui diritti umani alla vita, alla salute e all’alimentazione per i popoli ad esse soggetti. Queste misure influenzano quella cooperazione e quella solidarietà che devono prevalere tra le nazioni ».

Per questo motivo, i governi cinese, russo, cubano, venezuelano, nicaraguense, nordcoreano, siriano e iraniano, allo scopo di garantire una risposta completa ed efficace di tutti i membri della comunità internazionale al COVID-19, si appellano al Segretario Generale delle Nazioni Unite affinché solleciti “la revoca totale e immediata di tutte le misure di pressione economica illegale, coercitiva e arbitraria“, in coerenza con i principi consolidati delle Nazioni Unite.

download (6)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...