Il progetto della ricostruzione del Pci. La nostra storia non si cancella

Il progetto della ricostruzione del Pci. La nostra storia non si cancella

da Redazione per http://www.marx21.it

Il progetto della ricostruzione del Partito comunista italiano è tanto ambizioso quanto  irto di problematiche da affrontare. Il confronto con il Partito comunista di Gramsci Togliatti Longo e Berlinguer è quanto mai audace e da far tremare le vene ai polsi.

Una grande responsabilità che non attiene semplicemente al  nome e al simbolo ma che invece deve richiamarci alla mente la base dalla quale partire e cioè il buon vecchio  Karl Marx quando definisce che cosa è il comunismo:

«Le posizioni teoriche dei comunisti non poggiano affatto su idee, su princìpi inventati o scoperti da questo o quel riformatore del mondo. Il comunismo, per noi, non è uno stato di cose che debba essere instaurato o un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dai presupposti ora esistenti»

Tornando al vecchio Pci, generazione  ’68,  in quel partito convivevano almeno quattro sensibilità e mi spiace se la parola dà fastidio a qualcuno ma non ne trovo una altrettanto adatta,  cioè quella di Giorgio Napolitano, quella di Pietro  Ingrao, quella di Armando Cossutta e poi c’era il segretario  nazionale che ne  rappresentava la sintesi, prima Luigi Longo e poi Enrico Berlinguer.

La convivenza di queste sensibilità su certi aspetti assai diverse tra di loro, nonostante momenti  anche molto aspri di discussione e di lotta interna (penso per esempio, alle diverse posizioni  sulla scala mobile, al famoso “strappo” ecc.), insieme ad una scuola di formazione quadri di buon livello e di una miriade di militanti,  ha contribuito sicuramente a far grande il Partito comunista italiano.  Fino a che si è riusciti a  mantenere quel perfetto equilibrio. Quando questo si è rotto si è arrivati alla disgregazione che ha iniziato la nostra diaspora. Serve una analisi ben più approfondita di questa per analizzare la “mutazione genetica” avvenuta nel Pci fino al suo scioglimento (e il crollo dell’Unione Sovietica e dei paesi del socialismo reale),  probabilmente risalendo ai tempi di Pietro Secchia e al suo allontanamento? .

Occorre sempre avere la capacità di saper analizzare gli errori della nostra storia  per cercare di non ripeterli.

“Un esercito già esistente è distrutto se vengono a mancare i capitani, mentre l’esistenza di un gruppo di capitani, affiatati, d’accordo tra loro, con fini comuni, non tarda a formare un esercito anche dove non esiste” (Antonio Gramsci)

Oggi ci troviamo di fronte  alla esasperazione della condizione sociale della nostra classe di riferimento, alla parcellizzazione delle lotte, alla disoccupazione o alla   precarietà che dura tutta la vita, alla disuguaglianza spinta dalle forme di razzismo e fascismo  a contrastare ogni embrione  di emancipazione,   in un contesto internazionale sempre più vicino ad una forma nuova di guerra mondiale  alimentata da continui  focolai e in un contesto europeo schiacciato dai lacci dell’Unione Europea succube delle alleanze imperialiste e capitaliste degli Stati Uniti e alleati.

Ecco perché citavo Marx e le cose reali su cui occorre batterci e confrontarci.  Perché è tale la situazione economica e sociale  in cui viviamo che se non sappiamo correggere i nostri errori di partenza per rimanere legati a vecchi schemi di potere interno  (non è chiaro nemmeno perché così ambito e per fare cosa) , a meccanismi di riproposizione sempre di noi stessi, la ricostruzione del partito comunista sarà monca, o non avverrà affatto.

Quando parlo  di riproposizione di noi stessi mi riferisco soprattutto alle nuove generazioni perché si consegnano e si tramandano alla storia anche gli errori in una sorta di riproduzione di vecchi schemi ormai obsoleti.La ricostruzione del partito comunista come la intendo io e per certi versi anche  le tesi, (che sempre si citano senza averle lette) è altra cosa.

Quindi voltiamo pagina, un nuovo partito. Ma la storia di ciascuno di noi non si cancella.

Mi  si perdoni se sembra retorico, ma non lo è,  ciò che i giovani e le ragazze non devono dimenticare mai è che se oggi possono dire ancora “io sono comunista” lo devono ai nostri padri che alla loro età erano in montagna a combattere con le armi  il nazifascismo e oggi ci tocca tornare  a difendere la Costituzione nata dalla Resistenza.

Ricordo e mi riallaccio ad una famosa frase detta al Comitato Centrale dal Segretario nazionale  dei Comunisti italiani Oliviero Diliberto quando si riferì alla nostra uscita dal Parlamento, quella uscita che ha iniziato per i comunisti/e una sorta di  traversata del deserto. Quel deserto è sempre e ancora tutto davanti a noi, occorre saperci portare l’acqua dello studio e delle idee e i viveri della formazione dei quadri,  dei nuovi gruppi dirigenti, oltre che della militanza. Chissà, forse qualcuno un giorno riuscirà ad arrivare dall’altra parte, se cercheremo di non commettere più troppi errori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...