Il Brasile vota di nuovo contro la Palestina

Questo venerdì 19 giugno 2020  il Brasile ha votato ancora una volta contro la Palestina. È stata discussa una risoluzione delle Nazioni Unite che propone di riconoscere che il diritto internazionale è valido nei territori occupati della Palestina, ha condannato la violenza contro i palestinesi e ha indicato che i criminali dovrebbero rispondere alla giustizia e al Tribunale penale internazionale. La risoluzione, nonostante la posizione brasiliana, è stata approvata con 22 voti favorevoli, compresi quelli di tutti gli altri paesi sudamericani, e solo 8 contrari. La Federazione Araba Palestinese del Brasile (Fepal), ha reagito con una dura nota affermando che l’attuale politica estera brasiliana “porterà il paese alla triste condizione di garante dei genocidi globali, alla distruzione del nostro corpo diplomatico, uno dei più competenti e rispettati al mondo e il tradimento dei legittimi interessi nazionali del Brasile per l’inspiegabile favore di un interventista e di un potere ostile, gli Stati Uniti e Israele, uno stato condannato in tutto il mondo per l’occupazione illegale della Palestina e dei territori di Siria e Libano ”.

Deploriamo l’imposizione della  politica estera brasiliana al servizio dei criminali di guerra

Dall’inizio  dell’attuale governo e della svolta estremista ad Itamaraty, il Brasile ha vissuto un deplorevole e preoccupante processo di mancanza di rispetto per la legalità internazionale, di confronto con le risoluzioni delle Nazioni Unite e l’abbandono di trattati e convenzioni internazionali di cui il paese è firmatario, in particolare quelli che regolano le situazioni dei territori e delle popolazioni sotto occupazione coloniale straniera e le vittime di crimini di guerra, una situazione in cui spicca la Palestina occupata da Israele.

L’atteggiamento estremista e illegale dell’attuale politica estera brasiliana, di allineamento cieco e incondizionato, di vera sottomissione agli Stati Uniti, un potere sempre più bellicoso, e a Israele, impunito grazie al veto americano nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha portato il Brasile a votare, sia in seno all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che nei suoi altri organi, in più di un’occasione, contro la Palestina in questioni che sono state a lungo consolidate e che sono semplicemente applicate dal diritto internazionale e in particolare a quello umanitario. Anche presso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la diplomazia brasiliana  era ostile alla Palestina, votando contro un rapporto che condannava Israele a prevenire la vaccinazione per la popolazione palestinese. Ora, questa diplomazia sbagliata ha fatto un altro passo verso l’abisso dell’illegalità e dell’immoralità opponendosi alla risoluzione della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite che chiede solo che i criminali che violano il diritto internazionale e il diritto umanitario vengano processati in tribunali nazionali e internazionali.

Il 20 dicembre dell’anno scorso, la CPI ha accettato una denuncia palestinese per questi crimini israeliani e ha aperto un esame preliminare per indagare su di loro. La risoluzione approvata oggi da 22 paesi e respinta da 8, incluso il Brasile, con 17 astensioni, fa riferimento alle indagini su questi crimini da parte della CPI e chiede il rispetto dell’autonomia di questo tribunale e del suo procuratore generale. È interessante notare che, in questo voto, il Brasile si è allineato con i paesi accusati dalla Comunità internazionale di essere governati da regimi fascisti, come l’Ucraina, o che flirtano pericolosamente con il fascismo, come l’Austria e la Bulgaria.

Oltre a offendere il diritto internazionale, in particolare il diritto umanitario, l’anomala politica estera ora imposta al Brasile, difendendo i crimini di Israele nella Palestina occupata, viola la Costituzione federale, che nel suo articolo 4 impone la prevalenza delle relazioni internazionali come principi diritti umani, autodeterminazione dei popoli, non intervento, uguaglianza tra Stati, difesa della pace, risoluzione pacifica dei conflitti e ripudio del terrorismo (incluso, se non in particolare, quello dello stato) e razzismo. Tutti questi principi sono feriti a morte nell’attuale politica estera dettata da Israele al ministero degli Esteri.

Condanniamo fermamente questa aggressione contro la Palestina e il diritto internazionale, nonché avvertiamo che la politica estera sbilanciata e irresponsabile imposta alla rispettabile diplomazia brasiliana sta portando il paese alla triste condizione di garante dei genocidi e di tutti gli altri crimini di guerra e lesioni all’umanità. caratterizzato dall’ordinamento internazionale.

Infine, chiediamo alle forze della società brasiliana, in particolare parlamentari e corpi diplomatici, nonché organizzazioni sociali, partiti politici e istituzioni religiose, che agiscano per denunciare e fermare l’attuale politica estera imposta al Brasile, che porterà il paese alla triste condizione di farsi garante dei genocidi globali, alla distruzione del nostro corpo diplomatico, uno dei più competenti e rispettati al mondo, e al tradimento dei legittimi interessi nazionali del Brasile per l’ inspiegabile favore di un interventista e di un potere ostile come gli Stati Uniti e di  Israele, uno stato condannato in tutto il mondo per l’occupazione illegale della Palestina e dei territori di Siria e Libano. Chiediamo il ritorno di una politica estera dello S

tato e non del governo, professionale e indipendente e non ideologizzata.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...